Google+

Questa estate la Cina si avvicina con il St. Moritz Art Masters

agosto 5, 2013 Mariapia Bruno

Contraddizioni, diseguaglianza, lotte, insoddisfazione, pubblicità, bellezza, tradizione, ricerca di se stessi, giovinezza, sogni, paure, desideri. La Cina non è mai stata così vicina. Ospite d’onore alla sesta edizione di St. Moritz Art Masters, che si terrà dal 23 agosto al 1 settembre 2013, il grande continente si racconta attraverso le opere dei protagonisti dell’arte contemporanea dislocate in oltre 30 location tra musei, gallerie, hotel e spazi aperti. Robert Wilson, Donald Baechler, Jan Fabre, Hubert Kiecol, Olaf Breuning, Sébastien de Ganay, Enzo Cucchi, Claudia Losi, Ai Weiwei, sono solo alcuni dei tanti partecipanti di un festival che scavalca i confini non solo tra genti e civiltà, ma anche tra arte, creatività e design.

Consapevole di vivere una stagione artistica di grande vivacità, mantenendosi ben ancorato a tutte le usanze ancestrali che lo caratterizzano, il paese asiatico ci attrae e ci commuove con le sue giovani promesse, con i suoi volti intelligenti, con i suoi progressi tecnologici e le sue richieste di aiuto dalla fascia dei milioni di  bisognosi devoti al sacrificio. Dagli eloquenti scatti del fotogiornalista Liu Heung Shing, alle fantasiose opere con tocchi di pittura del fotografo d’arte Chen Fuli, ai neon di Su-Mei Tse, ai dipinti di Shao Fan, ce n’é per tutti i gusti, passi in zona chi può.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana