Google+

Quel bimbo abbandonato nella scatola è mio figlio

settembre 20, 2016 Redazione

bambino-scatola-shutterstock_98036420

Pur nella sua drammaticità, è una storia a lieto fine quella di Maria, la mamma peruviana 26enne che, in un momento di disperazione, ha abbandonato il figlio appena nato, ma, poi, pentita, si è presentata alla caserma dei carabinieri per denunciarsi: «È mio figlio».

Genova. Androne di un palazzo in centro città. I condomini trovano in una scatola di scarpe un neonato che ha ancora il cordone ombelicale attaccato. È coperto da un maglioncino azzurro e una camicia scozzese blu e verde. Dopo i primi attimi di sgomento («mi sono tranquillizzato solo quando ho visto che il bimbo era vivo. Gli ho toccato la mano e lui mi ha stretto il dito», ha raccontato alla Stampa l’autista di autobus che per primo lo ha soccorso), si prendono cura di lui e avvisano le forze dell’ordine. All’ospedale Gaslini di Genova le prime cure; il piccolo sta bene, pesa tre chili.

Dopo sette ore, Maria, che abita in quel palazzo, si pente. Ai carabinieri spiega di aver partorito all’improvviso, di «essere sconvolta», di aver lasciato sul piccolo il maglione e la camicia «perché potesse sentire l’odore della sua mamma». Perché lo ha fatto? Non aveva coraggio di dirlo ai suoi, nessuno sapeva di quella gravidanza. Ma è stato proprio il colloquio con sua madre a convincerla a ritornare sui suoi passi e a presentarsi in caserma. Ora per lei, inevitabilmente, è scattata la denuncia per abbandono di minore.

Insomma, tutto sommato una storia che finisce bene. Una giovane donna che – sconvolta – commette un errore, ma che poi ha il coraggio di pentirsi, chiedere perdono, pagare il prezzo dei suoi atti, forse ricominciare. Non è ricorsa all’aborto e anche le cure prestate al piccolo ci dicono qualcosa di materno che, in lei, non si è spezzato. Ma è anche una storia che ci dice molto della situazione in cui si trovano molte donne. È evidente che Maria si sente sola, non ha nessuno con cui condividere le sue angosce e preoccupazioni. Eppure oggi esistono i Centri di Aiuto alla vita che aiutano molte donne, prima e dopo il parto. È loro che occorre sostenere, per sostenere tutte le Maria d’Italia.

La foto pubblicata (Shutterstock) non è, ovviamente, quella del bambino di cui si parla

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana