Google+

Quel “benefattore seriale” che c’è in ognuno di noi

aprile 13, 2014 Annalisa Teggi

banco-alimentare-latina-859672761«Né creator né creatura mai/ – cominciò el – figliuol, fu sanza amore» (Purgatorio, canto XVII)

Matteo Renzi ha promesso che a maggio 10 milioni di lavoratori dipendenti vedranno 80 euro in più in busta paga. Ha detto che ci mette la faccia e se non succede gli si può dare del buffone; molti lo aspettano al varco, dubitano che ci siano le coperture, e dicono: vedremo. Senz’altro si tratta di un gesto platealmente chiaro e metaforicamente efficace.
In fin dei conti, si chiama dono. Possono esserci scopi, visioni e interessi sinceri o maliziosi, ma l’immagine del dono è dirompente: lo faceva Robin Hood, ed è ricordato come eroe; lo facevano gli imperatori romani col panem et circenses, e lo si classifica come demagogia. Poi, tradizionalmente, lo fa ogni anno Babbo Natale e a tutti – ammettiamolo – piace che ci sia un periodo in cui «siamo tutti più buoni».

La cronaca testimonia che quest’istinto amabile non c’è solo a Natale; ultimamente a Busto Arsizio è tornato in azione il benefattore seriale: un’anonima buon’anima che nottetempo mette nelle cassette postali di certe Onlus assegni di migliaia di euro. Aiuta associazioni che si occupano di disabili, minori e malati e nell’ultimo caso ha corredato il dono con un bigliettino scritto a macchina: «Grazie per quello che siete e per tutto quello che fate». E immancabilmente noi commentiamo questi gesti buoni e belli con un fondo di amarezza: magari capitasse anche a me, e poi chissà cosa c’è dietro, e chi pensa alle famiglie che non arrivano a fine mese? Se poi è la politica a usare la chiave della generosità, i sospetti, le critiche, i pregiudizi lievitano a dismisura.

Ma c’è innanzitutto da constatare che la chiave funziona perché è quella giusta per la serratura della nostra porta. Un gesto di bene gratuito è per noi una calamita; e l’idea del donare è attraente ancor più di quella del ricevere un regalo. È una radice umana inestirpabile e, come tale, nutre una pianta rigogliosa, le cui fronde possono poi diramarsi in direzioni molto varie – positive e negative. La radice, però, è una sola e la sintetizzerei dicendo che è stato bravo chi ha coniato l’espressione «benefattore seriale». Implica che qualcuno sia recidivo nel bene. Ed è così che siamo. Tralasciando i molti modi in cui siamo capaci di assecondare e tradire il bene (solidarietà, bieco interesse, slancio momentaneo), in fondo noi siamo garantisti quanto al buono.
E ce ne rendiamo conto quando facciamo un dono. È una cosa da veri adulti, perché il bambino è giustamente goloso di ricevere. Ma l’adulto sa come sta quando pratica la gratuità, ed è una misura che non si racconta a parole. Ha a che fare con lo spalancarsi di una finestra: le braccia si aprono ed entra aria fresca nei polmoni.

Il centro esatto della Divina Commedia è il canto XVI del Purgatorio ed è dedicato al tema della libertà; l’argomento deborda nei canti successivi, perché a Dante sta molto a cuore dimostrare che la libertà umana non inizia da un dato neutro: l’anima non è una bilancia equidistante dal bene e dal male, è pesantemente «tarata» sul bene. Nei cosiddetti secoli bui, Dante propagò l’eco di ciò che già la luminosa voce di san Tommaso aveva gridato: «Ogni essere agente, qualunque esso sia, compie ogni sua azione in forza di un qualche amore».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.