Google+

Quando l’opera d’arte di carta straccia incontra la signora delle pulizie

febbraio 22, 2014 Maurizio Cecchetti

Pubblichiamo stralci dell’articolo di Maurizio Cecchetti apparso oggi, sabato 22 febbraio, nelle pagine di cultura di Avvenire.

(…) A volte un infortunio come quello occorso a un’addetta alle pulizie a Bari un paio di giorni fa rischia di illuminare la realtà più di qualsiasi giudizio della critica. L’arte oggi è così vaga e così confusa con altre cose che arte non sono, che non stupisce che un “operatrice ecologica” abbia preso fischi per fiaschi. In sostanza, nella sala Murat dove è in programma la mostra Display Meeting Landscape (già il titolo induce a pensieri insani e alla voglia di farla finita con certe esterofilie linguistiche), si verifica una sorta di “incidente probatorio”: la donna delle pulizie vede della carta di giornale e del cartone in un angolo e pensa di fare il suo lavoro, quello per cui è pagata, raccattando la “spazzatura” per portarla in discarica. Si tratta, in realtà, di due opere d’arte, o sedicenti tali.

Smaltimento rifiuti, ecco il destino dell’arte in una società dove la spazzatura genera profitti (ma non in Italia, all’estero invece ci fanno una montagna di soldi). La povera donna adesso è affranta, tutti la descrivono come attenta e meticolosa. Le istituzioni si scusano per l’accaduto (è una frase di rito), tanto paga l’assicurazione. L’assessore elogia le capacità “mimetiche” degli artisti «che hanno saputo interpretare al meglio il senso stretto dell’arte contemporanea, cioè quello di interagire con l’ambiente circostante».

carta-straccia-1In realtà, il fatto non è nuovo. Esistono precedenti autorevoli. (…) Si ricorda ancora un fatto clamoroso che ebbe come teatro una Biennale di Venezia di qualche decennio fa. Era esposta la porta di Duchamp che ruotando si chiudeva e si apriva contemporaneamente su due stanze unite nell’angolo sul quale la porta era incardinata. Aveva l’aspetto poco attraente di una vecchia porta, la vernice ingiallita e scrostata, segni di usura… Stonava con le pareti della stanza, appena riverniciate e dunque sfolgoranti di bianco puro. (…) L’uomo della strada, anche quando non è inesperto delle azioni paradossali che l’arte contemporanea propone indossando volentieri la maschera dell’”assurdo” per épater les bourgeois, è facile preda di questa mentalità: una vecchia porta, segnata dal tempo e dall’uso, che cosa può avere di artistico? Niente. È chiaro – lo sarebbe a chiunque –, che quella porta è una porta, che altro sennò? Siccome il decoro era un valore che fra la gente comune resisteva ancora, per quanto già eroso da un gusto sciatto, ostentato e carente di cultura, che cosa pensò l’operaio della Biennale? Poiché aveva dato una mano di bianco alle pareti, ridipinse anche la porta per renderla presentabile ai visitatori della mostra. Tragedia! Orrore! Sacrificio! Processo, condanna, risarcimento del danno.

Nel nostro tempo, l’arte si misura più sulle mazzette di banconote che sulla qualità estetiche e critiche. Eppure, quel gesto inopportuno, ingenuo e di buon senso, avrebbe dovuto essere premiato: meritava il Leone d’oro per il genio anonimo che interpretò alla perfezione l’ideale filisteo che ispira molte opere di Duchamp. (…). Seppur non intenzionale, o proprio in quanto non progettato, quel gesto costituisce un formidabile reagente critico contro il feticismo che ha trasformato l’arte in un bene economico accessibile soltanto alle élites.

La vicenda di Bari si era verificata anni fa anche in un museo di Berlino dove la solita donna delle pulizie trovando in una sala una montagnola d’immondizia, pensò bene di raccoglierla e buttare tutto nella pattumiera. La zelante signora delle pulizie aveva buttato nel bidone un’opera del sommo Joseph Beuys. Per fortuna in tanti resiste ancora l’orgoglio di far bene ciò per cui si viene pagati. Così l’operatrice ecologica: l’immondizia, signori miei, non si lascia in mezzo alla stanza in bellavista. Ah, l’adorabile e mitica donna delle pulizie…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Loredana scrive:

    Come avete ragione!

  2. ftax scrive:

    Il Re è nudo! – esclamò il bambino…

  3. Cofield scrive:

    Storia molto significativa!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana