Google+

Proprio non ce la facciamo a mettere al centro l’uomo

maggio 7, 2013

Di Mario Draghi, per quello che riesco a capire, ho una buona stima; penso che senza di lui, alla guida della Bce, saremmo in condizioni ben peggiori di quelle attuali. Il suo discorso, però, in occasione della consegna della laurea honoris causa alla Luiss, mi ha lasciato esterrefatto.

Una delle tesi che ha proposto, in sostanza, dice questo: se non troviamo una migliore formula di redistribuzione della ricchezza rischiamo forme di protesta estreme e distruttive.

È l’apoteosi del liberismo utilitaristico. Si deve ricercare una maggiore giustizia sociale non perché sia giusto in sé, come direbbe un vetero-comunista, ma perché altrimenti finisce che questi straccioni fanno casino, un casino tale che poi non si riesce più a far soldi in santa pace.

L’affermazione, già di per sé, è agghiacciante perché indica l’orlo di un baratro ben più profondo della bazzecola del debito sovrano. Ma ancora più inquietante è la logica che la sostiene, la fredda utilità.

Ancora una volta si vede come il mondo moderno proprio non ci riesca a mettere al centro l’uomo, la sua dignità, il suo cuore e i suoi desideri; sbanda continuamente tra un senso di giustizia astratto, e quindi ideologico, e un ragionieristico calcolo costi, benefici.

Ormai solo la barca di Pietro sembra tenere la rotta e io comincio ad avere nostalgia del Papa Re.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra scrive:

    Per la Franzolini: Drago, secondo Giorgio Gaber, era il soprannome del Cerutti Gino. Il ladruncolo di quartiere protagonista della sua canzone, è forse diventato presidente della BCE?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana