Google+

Profumo di Vienna alla Galleria Giovanni Bonelli di Milano

dicembre 3, 2012 Mariapia Bruno

A Milano la Galleria Giovanni Bonelli, da poco inaugurata, ci trasporta nel cuore della sua sorella maggiore – è la maestosità imperiale che le accomuna -, la Vienna dell’architettura contemporanea, firmata Raimund Abraham, Hans Hollein, Max Peintner, Gianni Pettena, Walter Pichler ed Ettore Sottsass, architetti e artisti a tutto tondo. «È arrivato il momento – spiega il gallerista – di aprire a Milano una galleria tutta mia, dove possa esprimere appieno le mie scelte e presentarle ai miei interlocutori più affezionati e, spero, ad un pubblico nuovo».  La mostra Vienna e dintorni, aperta fino al 2 febbraio 2013, racchiude appieno le prerogative della nuova sede, ospitando i lavori di una serie di artisti dalle cui mani si è modificato in modo davvero significativo il rapporto tra l’arte e l’architettura d’oggi.

«Tutto è architettura» gridavano nel 1962 Hollein e Pichler, annullando il confine tra le varie arti e facendo sì che la sperimentazione da loro iniziata venisse condotta con linguaggi spesso lontani da quelli del progetto. Ed ecco che allora, in quella che fu la sede del celebre locale Binario Zero, punto di riferimento per i patiti del rock, trovano posto i loro lavori che vanno oltre l’architettura, che abbracciano nuove forme espressive con l’intento di progettare una “città invisibile”, concepita per il futuro in base alle intuizioni del presente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana