Google+

La porta aperta dell’Arsenale, quel miracolo nell’ex fabbrica di armi di Torino

maggio 26, 2015 Marina Corradi

sermig-torinoPubblichiamo la rubrica di Marina Corradi contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Torino, maggio. Una grandissima vecchia fabbrica di mattoni rossi a Porta Palazzo. Era l’Arsenale militare dei Savoia. Qui sono state prodotte le armi italiane della Prima Guerra mondiale, e in parte quelle della Seconda. Negli anni Ottanta l’Arsenale era un rudere. Un impiegato di banca, Ernesto Olivero, e i suoi amici insediarono nei capannoni abbandonati il Sermig, Servizio Missionario Giovani. Con le loro mani cominciarono a ricostruirlo. Iniziarono dalla cappella, perché, disse Olivero, «qui ci vuole un motore». E un forno divenne il tabernacolo, e i banchi degli operai, un altare.

Da anni il Sermig è una porta spalancata a Borgo Dora, una Torino piena di immigrati. Qui accolgono senzatetto, profughi, madri sole con il loro bambino; e insegnano l’italiano agli stranieri, e fanno il doposcuola ai ragazzini venuti da Paesi lontani. L’Arsenale ora ha i muri candidi, il giardino fiorito, il parco giochi. Ma, negli angoli, sono rimaste le macchine della vecchia fabbrica: nere, gigantesche, mostruose. Presse, tubi, volani, condutture, rubinetti, in un groviglio di forme minacciose. Di qui uscirono i cannoni diretti alle trincee della Grande Guerra. In un video ti mostrano com’era, l’officina, quando ci lavoravano migliaia di operai. Per un attimo senti anche il frastuono cupo delle macchine lanciate nella produzione; e ti immagini le maestranze, nell’odore di ferro e carbone, le mani nere, i polmoni gonfi di fumi.

In questa splendida giornata di maggio all’Arsenale giocano i bambini, e a sera dalle cucine si allargherà un buon odore di sugo. Ma le macchine, le grosse macchine nere sono rimaste, negli angoli, memoria e ammonimento. Forse, ti chiedi, anche le armi con cui tuo padre andò in Grecia e poi in Russia, venivano da qui; erano uscite nere, lucenti, dalla grande fucina a Borgo Dora. Chissà quanti morti, quante vedove, quanti orfani hanno fatto le armi plasmate in questi capannoni.

Ma questo posto com’è un altro ora, diametralmente opposto, con le viti americane che ne coprono i mattoni del verde rigoglioso di maggio. E ti stupisce, la rivoluzione.

Ernesto Olivero oggi ha 75 anni. Indica la porta dell’Arsenale, aperta 24 ore su 24, e spiega che è la cosa più importante di tutte. Perché è lì che si presenta ogni giorno un nuovo volto: di uno che ha fame, o che scappa, oppure che vuole dare una mano. L’essenziale, è che la porta si apra. La porta come il luogo in cui Dio, nel volto di uno sconosciuto, si affaccia.

E guardi gli occhi miti di quest’uomo e pensi che è straordinario, cos’è riuscito a fare dal niente. Dal cortile vengono voci di ragazzi. Si chiamano Nadir o Farouk, ma parlano italiano. La porta aperta, sembra operare un miracolo.

Negli angoli rimangono le macchine livide, arcigne, di vedetta. Feroci e inutili, zittito il loro sferragliare minaccioso. In chiesa, su un vecchio banco su cui si fabbricavano i fucili sta un Cristo di legno. Il motore, come disse tanti anni fa ai suoi un uomo, che ci crede davvero.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Per presentare la nuova Volkswagen UP! GTI non poteva esserci occasione più adatta del Wörthersee 2017, il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW. Anche se, in realtà, come accaduto in passato alla “sorella maggiore” Golf GTI Clubsport, a debuttare non sarà la vettura in versione definitiva, bensì una concept che si […]

L'articolo Volkswagen UP! GTI: la piccola si è arrabbiata proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana