Google+

Pioggia, vento e gente di cattivo umore. Come se non ci fossimo accorti di niente

marzo 17, 2013 Marina Corradi

Milano, 8 marzo – Piove da giorni, con ostinazione. In piazzale Baracca il luccichio parallelo dei binari del tram e quello del selciato, e l’alacre andirivieni dei tergicristalli sui parabrezza delle auto, al semaforo: profondamente Milano. Camminiamo ingobbiti sotto a ombrelli cinesi, curvi sotto gli zaini di scuola, intabarrati – camminiamo a testa bassa, e facciamo finta di non esserci accorti di niente.

L’asfalto scintilla di bagliori cangianti, i fili del tram sono una ragnatela tesa sopra di noi; rari piccioni infradiciati si riparano sotto i cornicioni, mamme spingono veloci i passeggini – da sotto le capote di plastica i bambini a bocca aperta, come pesci rossi in un vaso. Andiamo di fretta, i piedi bagnati, e, i più maturi, artritici, doloranti – facendo finta di non esserci accorti di niente.

Eppure è un’evidenza che quest’aria non morde più di gelo, come pochi giorni fa, e anzi, umida, lambisce la faccia quasi con dolcezza. E che odore ha quest’aria, se appena passi dentro a un giardino: sa di terra nera, vibra, quasi, nelle note dense del suo profumo. Ci sono poi, tra le siepi ancora color della cenere, germogli che arditamente alzano il capo; ma sono di un verde così chiaro, come se la luce del sole non li avesse mai sfiorati. Fa pensare, quel verde bambino, agli occhi dei neonati, quando ancora forse non vedono con precisione, ma hanno quell’oceano nello sguardo, immenso, sbalordito.

E piove dunque con cocciutaggine, si direbbe quasi con acrimonia, e si allargano attorno ai marciapiedi pozzanghere invalicabili, e alti gli schizzi delle ruote delle auto sui pedoni. Noi camminiamo, lo sguardo fisso a terra, e sembra proprio che non ci accorgiamo di niente. Ma, dentro alle vetrine, a cosa mai serviranno quelle ballerine color pastello, e quei sandali così nudi? Con questa pioggia. Eppure le donne passano, sotto gli ombrelli, imbacuccate, e gettano clandestine occhiate a quelle scarpe color di gelato, ai tacchi altissimi, da festa di calda sera d’estate.

Al Parco Sempione non c’è un’anima, e i prati sono molli, e il cielo ancora si accanisce, si abbassa anzi, si direbbe; e la pioggia tempesta da vicino. Ma tutta quest’acqua va a gonfiare, sottoterra, radici, e intride semi che, gonfi, ne scoppiano, e morendo rinascono. Fra venti giorni vedrete, cosa restituisce di erba e di fiori, questa coltre di fango nero. Batte la pioggia sui viali vuoti, solo un ciclista pedala, incappucciato e rassegnato. All’Arco della Pace dal tram numero 1 facce di cattivo umore fissano aggrottate i rari passanti. E piove, piove, e noi scuri in volto facciamo finta – in quest’aria già dolce di sapore – di non esserci accorti davvero di niente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Roberto scrive:

    Come al solito articolo scritto benissimo (ma come fa ad essere così brava? Ha mai pensato di scrivere un romanzo?)
    – Comunque questo pezzo mi ha richiamato alla mente “Lombardia” una (vecchia) canzone di Herbert Pagani.

  2. Gianna scrive:

    Fortissima!!! Si sente la sua bella anima! Grazie Gianna

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana