Google+

Picasso e Vollard, il genio e il mercante insieme a Venezia. Foto

maggio 3, 2012 Mariapia Bruno

La sapeva lunga su come lanciare un’artista Ambroise Vollard (1866-1939), pioniere tra i mercanti d’arte di fine Ottocento, padrino di geni del calibro di Cézanne, Derain o Roualt, uomo dall’intuito infallibile e di una certa audacia che gli permise di svolgere un ruolo decisivo per lo sviluppo dell’arte moderna fino ai primi decenni del XX secolo. Allontanandosi da ogni gusto ormai accademizzato, Vollard guardava altrove, ai pittori sconosciuti, a quelli banditi o mal etichettati, che grazie alle sue abilità commerciali si sarebbero trasformati in maestri dall’interminabile fama. Ecco come si è compiuto il destino di Picasso che nel 1901, appena arrivato a Parigi, ebbe la fortuna di incontrare questo eccezionale sponsor che gli offrì, fra i primi, l’occasione di esporre nella sua galleria e con il quale instaurò una virtuosa collaborazione per quasi quarant’anni.

Schukin, Morozov, Gertrude e Leo Stein, Barnes e Thannhauser, Stieglitz, furono tra i primi importanti acquirenti a cui il mercante vendette i dipinti del giovane artista catalano, in quegli anni ancora immerso nel suo periodo blu, quello delle acqueforti dei Saltimbanchi e del famoso Le repas frugal. Di questo periodo è anche la Minotauromachia e le cento splendide incisioni, raccolte nella cosiddetta Suite Vollard, che Picasso ha realizzato per il suo “magnifico”, una collezione che rimase per lungo tempo sconosciuta a causa della morte di Vollard e dello scoppio della Seconda guerra mondiale, giacendo nel magazzino dello stampatore fino alla Liberazione della Francia e all’istituzione dell’Ambroise Vollard Estate. Un tesoretto che suscita non poca curiosità. Fortunatamente, per scoprirlo, non bisogna andare a Parigi, ma a Venezia dove la retrospettiva Picasso e Vollard. Il genio e il mercante lo mette in mostra presso l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti fino all’8 luglio 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. I simply want to say I’m newbie to blogs and definitely savored your web blog. Very likely I’m going to bookmark your website . You certainly come with perfect posts. Cheers for revealing your web page.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana