Google+

Culatello, gnocco fritto e una cotoletta da applausi a due passi dall’autostrada A8

luglio 8, 2013 Tommaso Farina

Non sempre per aprire un ristorante di soddisfazione è necessaria una location mozzafiato. Un esempio di questa verità elementare è la Piazzetta di Origgio (Varese). Il bel ristorantino dello chef Michele Mauri, infatti, se ne sta in un palazzetto moderno, in una bella zona residenziale di villette a schiera. Niente vicoletti medievali, niente scenari mozzafiato. In compenso, tanti parcheggi. E un ambiente interno luminoso, di accattivante modernità, con sedie comode.

In cucina, la mano leggera di Michele porge piatti di fresca intelligenza, misti a rivisitazioni della tradizione. Dopo un gradevole appetizer di tre assaggi, ecco l’estiva, invogliante “Pizza non Pizza” di pasta sfoglia con pomodoro cuore di bue, mozzarella di bufala e asparagi. In alternativa, l’eccellente culatello Bré del Gallo di Fontanelle di Roccabianca (il paese di Guareschi) con gnocco fritto, o ancora la tartara scomposta di tonno rosso, avocado e maionese di soja.

Assolutamente impagabili, tra i primi, le semplicissime tagliatelline all’uovo con cerfoglio, calamaretti e olive taggiasche, davvero azzeccate e con pesce ottimo. Qualcosa di più impegnativo? Risottino Carnaroli al pesto di erbe, cappasanta scottata, foglia d’alga e pomodoro confit. Oppure cannelloni ripieni di ricotta e gorgonzola, verdure, salsa allo scalogno e Porto.

Più avanti, vi strapperà l’applauso la sublime cotoletta alla milanese, con l’osso, poco battuta alla maniera antica e cotta nel burro chiarificato, fin quando non acquisisce un bel color bronzeo scuro. È servita con ottime e leggere patate arrosto. Imperdibile. In alternativa, la rana pescatrice con pancetta, kumquat e jus di frutti di bosco.

Dolce chiusura col biscotto al cioccolato con mousse al limone di Sorrento. Carta dei vini di sicuro spessore, come del resto lo è il servizio.

Spesa? Circa 45-50 euro, per una magnifica serata o un bel pranzo (esistono menù da business lunch, non obbligatori). Un indirizzo da consigliare, poco lontano dall’autostrada A8. Bravi.

Per informazioni 
La Piazzetta
www.lapiazzettaoriggio.it
Via Gran Paradiso, 2 – Origgio (Varese)
Tel. 02.96732007
Chiuso sabato a mezzogiorno e lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Matteo scrive:

    Sono spesso ad Origgio per lavoro, e la Piazzetta è decisamente da provare.
    Ho però finito per trovare più “interessante” un altro ristorante di Origgio, lo Scibui.
    A un ambiente eterogeneo nell’arredamento quanto curatissimo, e alla notevole cordialità e competenza dei personali, aggiunge piatti sia alla carta che da menu business mai scontati e sempre con quel qualcosa in più (indimenticati il tonno crudo con cocco e lime o i gamberi flambati alla vodka in crema di latte e zafferano). Senza contare che la parte all’aperto è davvero piacevole d’estate.

    • Davide scrive:

      Peccato che i servizi igienici dello Scibui siano da arresto…di solito la prima cosa che si guarda sono quelli per capire il livello di igiene di un ristorante..

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana