Google+

Piatti gustosi e dirompenti a un prezzo stracciatissimo

maggio 25, 2014 Tommaso Farina

ristorante-la-carrettiera-milano1A volte i nostri lettori ci hanno rimproverato di occuparci spesso di ristoranti troppo costosi. Ebbene: vogliamo vedere se leggendoci oggi saranno contenti. Una trattoria pura, senza il sussiego di certe osterie moderne di ricerca. Uno di quei posti che a Roma chiamerebbero “bujaccari”: locali senza pretese, dove magari talvolta la pasta scuoce (non durante la nostra visita in incognito) e talaltra scappa la mano in cucina, ma dove si mangia con discreta soddisfazione spendendo poco.

Siamo a Milano, ai bordi del quartiere Bovisa. Qui, da più di trent’anni, c’è Franca e Lillo. Oddio, da circa un annetto la ragione sociale è cambiata, si chiama La Carrettiera. Ma si tratta di un pro-forma, tant’è che l’insegna esterna è sempre quella. E il passaggio di mano tra genitori e figli in realtà è più formale che sostanziale, giacché in sala, accanto a Maurizio, il babbo Lillo, agrigentino e storico fondatore, è sempre presente alle bandiere, mentre mamma Franca è ai fornelli.
Interno di tenerissima bruttezza, televisore acceso, decorazioni improbabili. Qui conta la sostanza: una cucina casalinga di ispirazione meridionale. Economicissima: a cena per quattro portate si spendono circa 28 euro. E a pranzo si mangia sempre alla carta, le stesse cose, che Lillo provvede a deprezzare: ergo, con 20 euro uscirete sazi.

ristorante-la-carrettiera-milanoA tutti arrivano anzitutto assaggini d’antipasto: olive, frittata di patate alle cipolle, crostino con rucola e funghi, calamari spillo. Poi, un primo piatto. Qui sono famosi gli spaghetti alla carrettiera, che non c’entrano nulla con l’omonima ricetta romana: il condimento è una sapida via di mezzo tra pesto genovese e aglio-olio-peperoncino. Gustosamente dirompenti. Altrimenti, pasta alla palermitana, o alla Norma, o pasta e fagioli.
Di secondo, la carne alla calabrese, col sugo rosso. La ruspante, riuscita cervella fritta, da libro dei ricordi. Le quaglie al forno. La frittura mista di pesce. Di contorno, vere patate fritte, non surgelate. Di dolce, cannoli e bignè, poi un caffè freddo al bicchiere. Divertentissimo.

Per informazioni
La Carrettiera – Franca e Lillo
Via Imbriani, 30 – Milano
Tel. 0239310316
Chiuso la domenica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Salvo scrive:

    “Una grande delusione”

    Erano circa 5 anni che non frequentavo più questo locale,ai tempi si mangiava davvero bene.Era un sacco di tempo che volevo ritornarci ed ho approfittato neglo ultimi mesi per andarci in compagnia di altre persone che non lo conoscevano se non tramite me che ne tessevp le lodi.Prenotai 3gg prima per pranzo,arrivati lì solita accoglienza e solita atmosfera affabile e casalinga.Non posso dire lo stesso per le portate.Per farla breve,tutto sembrava un avanzo del giorno prima,cibo saltato e riscaldato in padella,i sapori non erano decisi ma molto blandi e confusi,appannati…alcuni ingredienti avevano un retrogusto stantio e vecchio,la pasta utilizzata era quella del discount,la frittura in pastella era pesante e mal eseguita.Vino della casa e acqua per un totale di 90euro per 4 persone.Cucina casalinga sì ma priva di anima e di passione,pesante e indigesta.Credo che i proprietari stiano sopravvivendo all’ombra della fama che li circondava un tempo e che ora è solo un ricordo sbiadito.Io ho fatto una gran figura pessima con i miei ospiti e me ne vergogno ancora.Non ci ritornerò mai mai mai più.

    • Angelo scrive:

      condivido in quanto molto sporchi e soprattutto i prezzi non coincidono tra menu e scontrino, peccato anche l’arroganza. Gli uffici di igiene a Milano non controllano certe cose?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana