Google+

Piatti cinesi di quelli strani dai “carbonari” del Sichuan

marzo 12, 2017 Tommaso Farina

lu-yuan-cibo-cina

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Vi siete abituati, ormai, alla nostra ricognizione di ristoranti cinesi “strani” in quel di Milano. Non preoccupatevi: non riceviamo bonifici da Pechino o da Shanghai. Siamo a libro paga solo del nostro editore, e dunque di voi lettori ghiottoni e soprattutto curiosi. Oggi vi mandiamo in via Farini, nei locali in cui un tempo trovò posto una pizzeria, e più avanti un ristorante veneto-friulano: oggi, al civico 90, le vetrine recitano “Verdure cinesi” e “Griglia a carbone”.

Il ristorante Lu Yuan, una volta entrati, sembra un circolo carbonaro: quasi solo clienti con gli occhi a mandorla, e sentire parole in italiano è rarissimo. Sulla lista, dovete indicare con precisione il piatto che volete soprattutto col nome cinese in ideogrammi. Ma vi capiranno, eccome. L’ambiente non è certamente il loro forte: anonimo, anche se piuttosto moderno. Qui però si viene per la cucina del Sichuan e di altre zone del Celeste Impero lontane dalla provincia cantonese. Roba strana: di antipasto, c’è il pollo affumicato; l’insalata di trippa piccante; la lingua di maiale e quella di manzo; il collo d’anatra; il pollo al vapore con olio e porri. Non mancano comunque i ravioli, stavolta ripieni di maiale e porri, addirittura 12 pezzi per solo 5 euro.

I piatti veri e propri vedono, anzitutto, la curiosità della griglia a carbone, dove un maestro scotta manzo, rane, pancetta, gamberoni, e perfino l’intestino di maiale. Il medesimo intestino di maiale rientra anche, se lo volete, nelle varie zuppe piccanti di spaghetti (il famoso “hot pot”), presenti in grande varietà: quelle agropiccanti di Chongqing, quelle di Sanxia, quelle del Sichuan. Tra i piatti asciutti, rimarchevole la trippa saltata con peperoncini rossi e verdi; la pancetta saltata con
peperoncini e cipolle; i piedini di maiale piccanti; il maiale fritto con salsa di soia; lo stufato di pesce con crauti cinesi. Per dessert, altre curiosità: polpette dolci di zucca, o involtini alle patate lunghe cinesi. Si beve qualche birra e si spendono circa 20-25 euro. Un viaggio.

Per informazioni
Lu Yuan
Via Carlo Farini, 90 – Milano
Tel. 02.87064302
Sempre aperto

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download