Google+

Perdere gambe e braccia e dire «ok» alla vita (si può sopportare così tanta realtà?)

febbraio 18, 2015 Annalisa Teggi

teri-roberts-gofundmeLe mani sfogliano veloci le pagine della cronaca estera, ho istintivamente bisogno di staccare i pensieri dalle storie del giornalista giapponese decapitato, dell’omosessuale buttato giù da un palazzo e del pilota giordano arso vivo. Il genere umano non può sopportare troppa realtà, scrisse Eliot. Quanto aveva ragione! – mi dico. Poi gli occhi si fermano su un titolo che pare tracciare un orizzonte più lieto del mondo: “Si sveglia dal coma quattro ore prima che le stacchino la spina”. È accaduto in Nebraska, e allora incuriosita vado a spulciare i giornali stranieri.

Ma niente è come sembra; niente è così roseo come sembra. Ricostruisco alla buona la storia di Teri Roberts, 56 anni (foto sopra da GoFundMe). Qualche settimana prima di Natale, è in cucina a fare biscotti, da brava nonna di cinque nipoti. Si sente male e all’inizio sembra solo la classica influenza; le cose però degenerano in fretta, ricoverata in ospedale le viene diagnosticata una brutta infezione da streptococco A. Letale. Teri entra in coma e l’infezione intanto le devasta il corpo: le prime parti a morire sono gli arti, che vanno in cancrena. Spasmi muscolari le contorcono il viso, vesciche la ricoprono dappertutto. Il marito e il figlio le stanno accanto, entrando in fretta in confidenza con l’idea che la fine per lei è vicina. Un pensiero li consola: se morirà, andrà a ritrovare sua figlia Andrea in cielo, che era stata assassinata qualche anno prima. Teri era, infatti, diventata a tutti gli effetti mamma di due dei suoi nipoti, rimasti orfani dopo la morte della mamma. Si può sopportare così tanta realtà? Il coma e poi il sonno eterno non sono forse un benedetto rimedio a così tanto dolore?

Questo me lo chiedo io, ma a rispondere lascio che sia Teri. La sua prognosi peggiora drasticamente, i reni e il fegato cedono e i familiari decidono di lasciarla andare, cioè di interrompere la ventilazione artificiale. Poche ore prima che questo accada, Teri si sveglia. Le sue condizioni vanno stabilizzandosi, ma suo marito vuole essere sicuro che lei sappia cosa l’aspetta; la informano che perderà braccia e gambe, da amputare necessariamente. Lei risponde: «Ok».

Dal 10 gennaio Teri ha cominciato la riabilitazione; il suo risveglio l’ha riportata lì dove la realtà l’aveva lasciata: una figlia assassinata, due nipoti di due e quattro anni di cui prendersi cura. Senza braccia e senza gambe. Non so se avere accanto una famiglia premurosa basta a sopportare così tanta realtà. Io, per quel che riguarda me, non ne sarei così sicura. Penso di nuovo a Eliot che parla di un certo signor Prufrock, vivo e vegeto, che però cammina ogni giorno per strada come fosse un paziente anestetizzato in sala operatoria. Quando siamo svegli, siamo davvero svegli?

Penso anche a Dante che dice di essersi smarrito proprio perché era pieno di sonno. Il coma spesso è uno stile di vita, la bolla di insensibilità che indossiamo a difesa dell’urto inesorabile del vivere. Lo facciamo anche quando quel che c’è da sopportare è infinitamente meno di decapitazioni, amputazioni, assassini, roghi viventi. E se fosse che queste botte, non necessariamente letali, arrivassero per mettere all’angolo questo letargico torpore? Il nostro «ok» all’esserci – qui e ora – quando lo abbiamo pronunciato seriamente l’ultima volta?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Edo scrive:

    Bello, grazie!

    • Fa.ag scrive:

      Altra perla, di descrizione, per la dott.ssa Teggi e anche di dolore, per chi lo sa sopportare, come pare abbia saputo fare la signora Roberts.
      Anche solo nella vita normale, io sono infatti ben meno capace di farlo per cose ben meno scombussolanti..

      Grazie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

Non ne troverete traccia in nessun listino. Né del passato, né del presente. Perché la Hoonicorn 2 è un esemplare non solo unico, ma addirittura fuori da ogni schema. La nuova arma di Ken Block, forse il più istrionico e scapestrato pilota che l’America abbia mai conosciuto, è una Mustang del 1965 – o quello […]

L'articolo Hoonicorn 2: 1.400 cv per la Pikes Peak proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download