Google+

Perché gli Usa investono poco in Italia? «Colpa dei processi lenti»

aprile 22, 2016 John Phillips

burocrazia-shutterstock_180437069

«L’Italia ha quasi tutto ciò che si può sognare», esordisce, ma deve ancora fare molto per risalire la classifica europea che la vede all’ottavo posto per investimenti americani, mentre «dovrebbe trovarsi al secondo o al terzo». Bene le riforme, ma ci vuole di più. «Non sono qui a fare una lezione su cosa il governo dovrebbe fare», premette, ma per offrire «consigli» su come «rispondere alle preoccupazioni» delle imprese Usa per avere «più posti di lavoro e crescita».

La giustizia è al primo posto. I manager americani sono scoraggiati ad investire in un Paese in cui la giustizia civile «è troppo lenta», dove ci vogliono «oltre tre anni per una decisione di primo grado su una semplice questione contrattuale» con milioni di dollari che rimangono immobilizzati, mentre negli Usa il 90% dei casi si chiude con una mediazione senza processo. Con l’introduzione della negoziazione obbligatoria si è intrapresa la giusta strada. Ok anche ai tribunali delle imprese, che hanno risolto il 70% dei casi in meno di un anno, ma si dovrebbe assegnare loro anche la competenza sui contratti, «esattamente il messaggio che l’Italia dovrebbe mandare agli investitori stranieri». Magistrati specializzati anche per le bancarotte produrrebbero risultati consistenti e veloci in modo «corretto e trasparente» per creditori e debitori.

John Phillips, ambasciatore Usa in Italia, lezione all’Università Bocconi di Milano, Corriere della Sera, 22 aprile 2016.

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra scrive:

    Giustissimo. Ma, secondo un “profano” di questioni giuridiche come me, bisognerebbe anche rimettere in vigore la norma, vigente nell’allora Repubblica di Lucca nel XIV secolo: il giudice civile – del tribunale pubblico o di quello interno alla corporazione – che non pronunciava sentenza entro 30 giorni dalla promozione della causa, era sanzionato con una multa tale, che se la sarebbe ricordata per tutta la vita. Se si rimettesse in vigore una norma simile, forse i giudici lavorerebbero, invece di godersi le ferie più lunghe di tutti i dipendenti pubblici, e, magari, anche andare a fare i “divi” in TV. Dove, incredibilmente, mostrano di saper risolvere una causa civile in un quarto d’ora! Perché non lo fanno anche in un vero tribunale? Che a Canale 5 o Rai 1 sia tutto inventato?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un trapianto di cuore in piena regola. In Jaguar, da piccoli, devono aver giocato con “L’allegro chirurgo”, dato che il V8 5.0 sovralimentato della F-Type R trova posto sotto il cofano della berlina di medie dimensioni XE, entry level – si fa per dire – della gamma di Coventry. Un’operazione che porta alla nascita della […]

L'articolo Jaguar XE SV Project 8: nessuna come lei proviene da RED Live.

Prendi la moto più venduta da anni. Provata e riprovata in tutte le condizioni. Cosa si può raccontare ancora di lei? Parto con queste convinzioni per l’ennesimo test della ennesima R 1200 GS (le ho provate tutte le GS dalla 1100 a oggi). È la Rallye che ho già provato poco tempo fa in un […]

L'articolo Alla GS Academy con BMW R 1200 GS Rallye assetto sport proviene da RED Live.

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana