Google+

Per due anni siamo mancati in questo ristorante di pesce delizioso, e abbiamo fatto male

giugno 7, 2015 Tommaso Farina

trattoria-barca-rho-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Ci mancavamo da due anni, in questo ristorante delizioso. Un peccato non esserci tornati prima, perché qui fanno un pesce tra i più buoni della cintura milanese. La Trattoria La Barca, a Rho, pochi passi dall’autostrada, è un succulento covo della gola e dell’ospitalità.

Di quest’ultima si prende carico il patron Andrea Virgilio, origini baresi come tutta la sua famiglia, avvolgente e anche cerimonioso ma mai invadente, sempre pronto a spiegare il perché ha messo in carta un certo piatto.

Ad esempio, il prosciutto alla barese: a Bari, i suoi nonni tagliavano il prosciutto crudo a quadretti e lo cospargevano di pepe, mangiandolo coi pomodori secchi. La Barca lo propone. Molto ma molto più affascinanti sono però le cozze ripiene di una golosissima farcia a base di pane d’Altamura. Virgilio vi inviterà, anzi, quasi v’imporrà di fare scarpetta nel leccornioso sugo. Altri antipasti? Il grande crudo mediterraneo; gli scampi alla Franco (al brodo di crostacei e limone); le ostriche.

Uno spettacolo, di primo, i paccheri di Gragnano ripieni di branzino, seppie, gamberi e limone, gratinati con una bisque (sugo lento) di crostacei: una meraviglia. Se no, il risotto alla pescatora tradizionale, frutto di un’antica e non banale ricetta di famiglia; o magari, le orecchiette con nero di seppia e cacioricotta.

trattoria-barca-rho-foto-tommaso-farina-2Tra i piatti forti, un monumento: la zuppa di pesce pugliese. Scorfano, gallinella, pescatrice, calamaro, gambero di Mazara, scampo di Manfredonia, il tutto corredato da pane di Altamura abbrustolito. Il massimo di una surreale goduria. Ricordiamo poi il fritto di pesce, servito senza limone ma con una nuvola di pepe, all’uso dei pescatori.

Non mangiate il pesce? Vi arriveranno le braciole alla barese: e in Puglia, tenete a mente, “braciole” sono gli involtini.

Chiudete coi formaggi, o col “Lingotto tropicale” di frutta esotica e cioccolato fondente. Cantina interessante e non cara. Conto di 65 euro circa, ben spesi.

Ah: l’ambiente è tranquillo e riposante, e il servizio perfetto.

Per informazioni
Trattoria La Barca
trattorialabarca.it
Via Achille Ratti, 54 – Rho (Milano)
Tel. 02.9305534
Chiuso il martedì


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana