Google+

Per battere la cultura della morte usiamo la nostra arma più forte

febbraio 16, 2014 Pippo Corigliano

Agenzia Ansa, 3 febbraio: «La grande riforma del diritto di famiglia a lungo annunciata dal governo socialista francese non si farà, almeno per il 2014… Esultano i movimenti della Manif pour tous… scesi in piazza anche ieri a Parigi e Lione». Complimenti ai francesi della Manif. In Italia è difficile che ci siano mobilitazioni del genere e non so se affliggermi. Mi viene in mente papa Francesco che, alla vigilia di un probabile intervento armato delle potenze occidentali in Siria, ha indetto una veglia di preghiera: l’intervento armato poi non c’è stato.

Mi viene in mente De Maistre che, di fronte agli orrori della rivoluzione, disse: «Contro la rivoluzione non ci vuole la controrivoluzione ma il contrario della rivoluzione». Cioè la vita ordinaria operosa. Mi viene in mente san Pietro in carcere. La comunità cristiana prega e Pietro è liberato dall’angelo. La forza del cristiano è la preghiera. Forse, come cittadini, dovremo organizzare manifestazioni, ma prima, come cristiani, occorre che adoperiamo la preghiera per affermare la vita contro la morte, l’amore coniugale contro il divorzio, l’affetto per i malati contro l’eutanasia, la gioia della differenza fra uomo e donna contro l’omologazione fra i generi e così via.

Vorrei che qualcuno m’invitasse a una veglia di preghiera per le persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese; per i giovani che non sanno amare e buttano la loro vita; perché ci sia il lavoro che, come ripete Francesco, dà dignità alle persone.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Carolina scrive:

    Sono d’accordo con te!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana