Google+

Pensieri e parole di santa Teresa di Calcutta

gennaio 16, 2017 Giovanni Fighera

santa-madre-teresa-calcutta-ansa1

SULLE OPERE
«Non conta quanti malati guarisci» diceva Madre Teresa di Calcutta «ma la testimonianza che dai: vedono che c’è qualcuno che si prende cura di loro ed è questo che conta». Abbiamo tutti bisogno di testimoni e di testimonianze per sostenere la nostra speranza. E Madre Teresa è stata una testimone straordinaria che il Signore ha donato al nostro tempo, un gigante nella fede e nelle opere, lei che pure era cosciente che tutto «quello che facciamo è soltanto una goccia nell’oceano, ma se non ci fosse all’oceano mancherebbe».

SULLA VOCAZIONE
Madre Teresa era giovanissima quando sentì la chiamata. Intervistata al riguardo, rispose: «Avevo dodici anni, quando nella cerchia familiare per la prima volta desiderai di appartenere completamente a Dio. Ci pensai pregando per sei anni. […] Mi aiutò molto la Madonna […] di Montenegro». Per capire meglio si confrontò con padre Franjo. Alla domanda su come si manifestasse la vocazione personale, questi le rispose: «Lo saprai dalla tua felicità interiore. […] La profonda letizia del cuore è la bussola che indica il sentiero da seguire. Dobbiamo farlo, anche quando la strada non è chiara e il cammino disseminato di difficoltà». Non si può mentire a se stessi, al proprio cuore. Non si può mentire sulla propria felicità.

IL SEGRETO DI MADRE TERESA
Lei, che si sentiva «una matita nelle mani di Dio», lasciava che fosse Gesù a scrivere le righe più belle. Aveva da subito deciso di seguire il tesoro che aveva scoperto ed affidarsi totalmente a Lui: «Il mio segreto è Gesù, il suo grande amore per noi, la preghiera, la meditazione, l’Adorazione quotidiana di un’ora davanti all’eucaristia, i nostri voti religiosi. Il mio motto è questo: “Tutto per Gesù. Tutto a Gesù per mezzo di Maria”».

LA PACE DEL MONDO E L’ABORTO
Celeberrimo è il suo discorso tenuto a Oslo l’11 dicembre 1979, al conferimento del Nobel per la Pace, in cui la suora definisce l’aborto come il più grave pericolo per la pace del mondo, perché «è una guerra diretta, un’uccisione diretta, un omicidio commesso dalla madre stessa». Nello stesso discorso Madre Teresa insiste: «Leggiamo nelle Scritture, perché Dio lo dice molto chiaramente: “Anche se una madre dimenticasse il suo bambino, io non ti dimenticherò. Ti ho inciso sul palmo della mano”. Siamo incisi nel palmo della sua mano, così vicini a Lui che un bambino non nato è stato inciso nel palmo della mano di Dio. […] E oggi il più grande mezzo, il più grande distruttore della pace è l’aborto. […] Tante persone sono molto, molto preoccupate per i bambini in India, per i bambini in Africa dove tanti ne muoiono, di malnutrizione, fame e così via, ma milioni muoiono deliberatamente per volere della madre. E questo è ciò che è il grande distruttore della pace oggi. Perché se una madre può uccidere il proprio stesso bambino, cosa mi impedisce di uccidere te e a te di uccidere me? Nulla».

IL CAMMINO VERSO LA SANTITÁ
Che cosa occorre per diventare santi? «Ci vuole l’umiltà e la preghiera» dice Madre Teresa «Gesù ci ha insegnato come pregare e ci ha detto anche di imparare, dal suo esempio, ad essere miti e umili di cuore. Non riusciremo ad essere né l’uno né l’altro se non sappiamo cos’è il silenzio. L’umiltà come la preghiera provengono da un orecchio, un’intelligenza e una lingua che hanno gustato il silenzio vicino a Dio, poiché Dio parla nel silenzio del cuore».

L’OMELIA DI SAN GIOVANNI PAOLO II
Il dies natalis di Madre Teresa è il 5 settembre 1997. La suora di Calcutta viene beatificata il 19 ottobre 2003. «Nel dono totale di sé a Dio e al prossimo» dice Papa Giovanni Paolo II nell’omelia per la beatificazione «Madre Teresa ha trovato il suo più alto appagamento e ha vissuto le qualità più nobili della sua femminilità. Desiderava essere un “segno dell’amore di Dio, della presenza di Dio, della compassione di Dio” e, in tal modo, ricordare a tutti il valore e la dignità di ogni figlio di Dio. […] Madre Teresa “portava le anime a Dio e Dio alle anime”, placando la sete di Cristo, soprattutto delle persone più bisognose».

IL DISCORSO DI PAPA FRANCESCO
Papa Francesco ricorda, invece, nell’omelia della canonizzazione il 4 settembre 2016: «Madre Teresa, in tutta la sua esistenza, è stata generosa dispensatrice della misericordia divina, rendendosi a tutti disponibile attraverso l’accoglienza e la difesa della vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata. Si è impegnata in difesa della vita proclamando incessantemente che “chi non è ancora nato è il più debole, il più piccolo, il più misero”».

LA MISSIONE CONTINUA. I MIRACOLI DI MADRE TERESA
Sorprende, infine, verificare come l’operato dei santi prosegue una volta che sono in Paradiso: come in vita così ora in Cielo molti sono i corpi che Madre Teresa ha guarito,  ma le guarigioni più importanti sono quelle dell’anima, come hanno riconosciuto Monica Besra e Marcilio Andrino, i due miracolati della beatificazione e canonizzazione della suora di Calcutta. Proveniente da una tribù induista dedita a riti animisti, accolta nella Casa delle Missionarie della Carità, ammalata di cancro e ormai moribonda, riceve la grazia del miracolo proprio nel primo anniversario della salita al Cielo di Madre Teresa. Monica ha riconosciuto che Dio la ha scelta per mostrare a tutti «lo straordinario carisma di guarigione di Madre Teresa»: «La mia famiglia da allora vive sotto la sua costante protezione e nella presenza di Dio. E la pace e la gioia che regna nella nostra casa abbiamo imparato a condividerla».

UN LIBRO
Non si contano le biografie e i saggi che hanno ripercorso la vita e le opere di Madre Teresa. Possiamo ripercorrere le opere, i pensieri e gli scritti di Madre Teresa, i miracoli riconosciuti, le omelie di Papa Giovanni Paolo II e di Papa Francesco in un libro appena edito per conto di Ares: Una matita nelle mani di Dio. Vita e santità di Madre Teresa. L’autore è Riccardo Caniato, giornalista e scrittore, autore tra le altre opere di Maria, alba del terzo millennio. Il dono di Medjugorie (con V. Sansonetti) e di «La Madonna si fa la strada». Civitavecchia nel tempo di Maria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana