Google+

Parlamento in crisi: senza Wikipedia siamo finiti

ottobre 6, 2011 Redazione

P2, P3, P4, PISANU. Berlusconi potrebbe non mangiare il panettone. L’ipotesi di una crisi di governo prima di Natale (entro ottobre?) si fa sempre più concreta. La mano assassina dovrebbe arrivare dall’interno del Pdl, soprattutto da Pisanu e Scajola, pronti a staccarsi dalla casa madre e formare gruppi autonomi. L’operazione è in rapida costruzione.
Amedeo La Mattina, la Stampa

COMPLICE IL CAOS. Ieri è stato notato Beppe Pisanu parlare a lungo alla Camera con Walter Veltroni, complice il caos della seduta comune.
Francesco Bei, Repubblica

STAVOLTA ANCORA. Stavolta la sopravvivenza del governo è a rischio.
Francesco Bei, la Repubblica

MEGLIO UN GOLPETTINO?
La mia personale opinione è che le elezioni immediate, in questa situazione economica e con questa legge elettorale, sarebbero una pessima soluzione.
Eugenio Scalfari, la Repubblica

LA PRIMA GALLINA CHE CANTA. Senza una guida politica, oggi le “parti” aspirano abusivamente all’“intero”: non più parti sociali, ma surrogati di partiti politici. Con la pretesa di sostituirsi ai governi. E con il rischio che le singole parti sconfinino in un terreno in cui gli interessi particolari, frammentati e parcellizzati, siano scambiati per l’interesse generale.
Pierluigi Battista, Corriere della Sera

UNA REPUBBLICA FONDATA SULLE CIMICI. Manifestiamo per rimettere insieme i cocci, per cominciare a ricostruire mentre ancora siamo fra le macerie. Perché dobbiamo strappare il bavaglio e ricucire l’Italia.
Sandra Bonsanti, presidente dell’associazione Libertà e Giustizia, la Repubblica

GIÀ, PERCHÉ? Bizzarra concezione del mestiere che non rende ragione del perché allora nelle redazioni debbano lavorare i giornalisti e non gli astronauti o i panettieri, entrambi perfettamente in grado di riversare in pagina atti giudiziari senza distinguere, elaborare, contestualizzare, selezionare e spiegare ai lettori.
Luigi Ferrarella, Corriere della Sera

INTERVISTA A RISPOSTA MULTIPLA. Dopo due anni di battaglie con Alfano e Ghedini si meraviglia ancora dei loro comportamenti?
Domanda di
Liana Milella a Giulia Bongiorno, Repubblica

PIÙ PARCELLE PER TUTTI. Per una congiuntura astrale si sono concentrate queste cose su cui lavoro da anni – racconta Giulia Bongiorno nei panni di legale di Raffaele Sollecito –. Ho ricevuto centinaia di lettere. E mi sono convinta ancor di più che bisogna difendersi nei processi e non dai processi.
Giulia Bongiorno intervistata dal Corriere della Sera

VERY VERY ELEGANT. Non era un bunga bunga party. È stata una delle più sorprendenti serate della mia vita.
George Clooney intervistato dal Time sulla sua serata con Berluconi

COSCIENZA ZAPATERA. Per noi spagnoli quello di Berlusconi premier è un fenomeno tutto italiano in gran parte inspiegabile perché non è né serio né affidabile, è un comico, un personaggio da barzelletta. Questo anche perché gli spagnoli lo conoscono poco.
Javier Cercas, scrittore spagnolo, la Repubblica

DIPENDE DA CHE PARTE TI GIRI. La chiusura di Wikipedia è un passo indietro rispetto all’accesso all’informazione. Succede in Italia e non nel resto del mondo dove, invece, i passi vengono fatti in avanti: perché?
Alessia Mosca, deputata Pd, Corriere della Sera

INDIGNADOS IMPREPARADOS. Enzo Bianco, senatore del Pd, stenta a crederci: «Sono sgomento. E adesso come si fa?». Adesso lui, che è stato ministro dell’Interno e presidente del Copaco, non sa più come fare senza Wikipedia.
Alessandra Arachi, Corriere della Sera

INDIGNADOS STIPENDIADOS. Sale l’attesa intorno a questo governo (il nuovo esecutivo di sinistra danese, ndr). C’è per esempio Manu Sareem, 44 anni, nato in India, pelle olivastra, neoministro della Chiesa e dell’uguaglianza, che dichiara: «La mia molla è l’indignazione sociale».
Luigi Offeddu, Corriere della Sera

AH BÈ. C’è Thor, il ministro del Fisco, che oltre alla «tassa sul grasso» preannuncia nuove imposte sulle sigarette e una riforma fiscale tesa a «ridurre la povertà».
Luigi Offeddu, Corriere della Sera

MA SEMPRE AL BAR STIAMO. Eravamo un popolo di allenatori di calcio, stiamo diventando tutti giudici.
Claudio Pratillo Hellmann, presidente della Corte di appello che ha assolto Amanda Knox e Raffaele Sollecito, Corriere della Sera

SENZA ESAGERARE. Nei servizi fotografici ti senti come se in un certo senso fossi stuprato.
Johnny Depp, Vanity Fair

LE STAGIONI, SIGNORA MIA. La vittoria del raffreddore. Ecco perché il virus oggi ci colpisce di più. Gli esperti: «Record di contagi per il clima impazzito».
Titolo di
Repubblica

IL BRODINO, SIGNORA MIA. Gli antichi rimedi sono meglio dei farmaci: danno sollievo senza effetti collaterali.
Elena Dusi, la Repubblica

FREDDURE. Ieri il premier in attesa dei macedoni: «Ancora non sono arrivati? Si saranno fermati a mangiare una macedonia».
Didascalia sotto una foto di Silvio Berlusconi, la Stampa

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana