Google+

Parisi, nuovo punto di riferimento del centrodestra

agosto 16, 2016 Alessandro Sallusti

Segnaliamo e riproduciamo l’editoriale apparso il 15 agosto su Il Giornale firmato dal direttore Alessandro Sallusti e intitolato “L’estate a percorso netto di Stefano Parisi”.

Come sempre accade, i dibattiti di mezza estate non sono solo intrattenimento per i villeggianti ma l’antipasto di ciò che sarà. Si misurano le parole, si studiano le mosse, osservano le reazioni, costruiscono alleanze. Silvio Berlusconi osserva e ascolta da villa Certosa, apparentemente distaccato ma in realtà assai interessato. Che se la giochino, i suoi, poi a settembre si tireranno le somme, giusto alla vigilia degli scossoni – referendum e conti pubblici – che potrebbero fare traballare Matteo Renzi e il suo governo.

Ma a metà di questa corsa oratoria estiva qualche indicazione già emerge. Chi pensava o sperava che Stefano Parisi, indicato da Berlusconi come riorganizzatore e possibile uomo nuovo del partito, inciampasse in uno dei tanti trabocchetti disseminati sulla strada della politica (ambiente per lui non naturale) deve ricredersi. Il suo, al momento, è stato un percorso netto nonostante stia giocando praticamente solo contro tutti. Sta andando diritto e veloce verso l’appuntamento di metà settembre nel quale metterà tutte le carte in tavola. Per ora dissemina di giorno in giorno indizi su cosa ha in testa ma non prove che lo incastrino a scelte obbligate. Tesse con pazienza la sua tela, soprattutto fuori dall’oligarchia del partito (dove piace assai) senza rispondere alle ormai quotidiane provocazioni di chi mal vede la sua ascesa, primo fra tutti quelle di Giovanni Toti, il governatore della Liguria che non ha mai nascosto le sue ambizioni di leadership e che sta facendo da capofila al variegato mondo del «no Parisi».

Sostiene Parisi, mai smentito, di avere un quotidiano confronto sullo stato di avanzamento dei lavori di rifondazione di Forza Italia con Silvio Berlusconi. Il che aumenta il nervosismo degli avversari interni ma allo stesso tempo aumenta il livello di attenzione e di rispetto dei possibili alleati, che poi sono quelli storici (Lega e Fratelli d’Italia) più i centristi di Alfano delusi (e fregati) dall’abbraccio mortale della sinistra. Chiedersi ora come finirà è presto, ma certo è che se Parisi arriverà in fondo all’estate con questo stato di forma, be’, voglio proprio vedere come sarà possibile non confermargli il mandato di essere il nuovo punto di riferimento del centrodestra. Poco importa con che titoli o galloni.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    Parisi dovrà levar di mezzo l’insofferenza politica nei confronti delle famiglie – cellule indispensabili del tessuto sociale, il gender e tutte quelle unioni di fatto che non sono contemplate dalla nostra bella Costituzione (si vada a migliorare il Codice civile se proprio ci son aggiustatine da dare); in primis si proponga la lotta contro la “lotta per la vita fai-date” ( aborto, fecondazioni artific, uteri affittati ecc)ed affrontare seriamente la questione migranti. Buon lavoro!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana