Google+

Parigi racconta il Paradiso Perduto di cinque artisti contemporanei

novembre 9, 2012 Mariapia Bruno

Cosa succede quando cinque artisti contemporanei mettono a confronto la propria percezione dei concetti di spiritualità, religione e condizione umana? La risposta la da l’esposizione Lost in Paradise. Du spirituel dans l’art actuel che dal 14 al 25 novembre 2012 sarà visibile al Loft Sévigné di Parigi. Al centro della retrospettiva le opere dei cinque artisti internazionali chiamati a dialogare tra di loro sui concetti cardini dell’evento. Alcune opere sono il frutto di una reinterpretazione dell’iconografia religiosa della tradizione che esprime ancora oggi i fallimenti della società contemporanea, altre incarnano il concetto di viaggio spirituale svelando un immaginario simbolico e astratto che trascende i credi religiosi.

Basandosi sull’omonimo poema epico – della retrospettiva – di John Milton, l’inglese Idrish Khan presenta una serie di stampe montate su alluminio che mostrano la fascinazione verso il potere creativo di un artista tormentato dal dubbio e dalla disperazione. Diverso è il discorso seguito da Ariadhitya Pramuhendra, artista cristiano che vive e lavora in Indonesia, un paese dove la religione predominante è quella musulmana, che si autoritrae nello scatto See No Evil con gli occhi bendati e con indosso un copricapo tipicamente ecclesiastico, evitando lo sguardo pubblico ed affermando in questo modo la propria identità. E mentre l’israeliana Michal Rovner tiene a sottolineare che il suo lavoro «non riguarda la situazione politica, ma la condizione umana», l’iraniano Reza Aramesh prende ispirazione dalle copertine dei giornali che raccontano dei conflitti internazionali dal 1960 ad oggi. Di origini miste, Pachistane, Indiane, Irlandesi e Britanniche, è Shezad Dawood, le cui istallazioni colorate fatte da neon fluorescenti e tessuti tribali traducono il suo interesse verso l’esotismo, la poesia e la gioia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana