Google+

Papa Francesco e il Sinodo. La Chiesa coltiva frutti che maturano anche sotto la tempesta mediatica

ottobre 25, 2014 Pippo Corigliano

Papa Francesco ha concluso con un discorso equilibrato e profondo la prima fase del Sinodo sulla famiglia. La Provvidenza ha voluto che il giorno dopo venisse beatificato Paolo VI, il Papa che ha portato a termine il Concilio Vaticano II e ha retto la tempestosa stagione del dopo Concilio. Chi ha vissuto quegli anni ricorda la pressione dei media sulla Chiesa perché si adeguasse alla cultura dominante.

Il vento del ’68 soffiò anche all’interno delle mura ecclesiastiche e gli anni Settanta in Italia furono anni di pesante propaganda marxista all’insegna del “tutto è politico”; il terrorismo ebbe il suo momento culmine nella supplica di Paolo VI alle Brigate rosse per salvare la vita dell’amico Aldo Moro. Sembrava di vivere un periodo di follia collettiva simile a quello che viviamo oggi con l’attacco dissennato alla famiglia. Poi il clima concitato passò e oggi vediamo i frutti maturi del Concilio: il più notevole è la nuova stagione di santità per i laici. In Italia in particolare c’è stato un fiorire d’iniziative che puntano a una più profonda spiritualità del laicato cattolico.

Lo Spirito Santo ha lavorato e papa Francesco si adopera proponendo una profonda conversione ai semplici fedeli: coltivare il rapporto con Dio (Vangelo, Eucaristia, preghiera), servire gli altri, saper convivere, sperare contro ogni disperazione. Il Papa ci dà la fiducia che anche questi tempi folli passeranno e resterà l’esempio luminoso di chi avrà saputo percorrere i sentieri della terra da amico di Dio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. mariobon 489 scrive:

    A me pare invece che questi siano frutti avvelenati, che daranno tutto il loro tossico con il tempo che verrà. Con la benedizione di Francesco, che non ha nulla da obbiettare, per esempio, che nel Sinido sulla famiglia non si faccia alcun cenno – neppure uno – alle migliaia di omicidi compiuti ogni anno in nome della 194. Forse che non riguardano un problema lacerante della famiglia? Poco o nulla credo di aver capito di questo Sinodo, ma mi ha colpito l’affermazione secondo cui gli omo custodiscono “tesori culturali” da donare alla società: Forse il fatto di essere dediti alla sodomia li innalza culturalmente sopra il resto del mondo? E non è il caso che qualcuno avverta il Padreterno che, secondo i nuovi indirizzi, qualche secolo fa ha un tantinello esagerato, spazzando via addirittura una intera città, perché si dedicava anima e corpo (soprattutto corpo) ad una attività che oggi viene esibita “con orgoglio”? E chi lo dice, oggi, a quelle anziane coppie di sposi, che magari per lustri, hanno portato avanti, faticosamente e con animo rassegnato, un rapporto di coppia logorato, resistendo magari per amore dei figli ed in osservanza di un Sacramento che la Chiesa ha dichiarato indissolubile e che invece, oggi, tanto indissolubile non sembra più, tanto che si arriva, tacitamente, a concedere l’Eucarestia (magari senza confessione che, pare, non usa più…), che hanno perso il loro tempo e che in realtà oggi si cambia la prassi la Dottrina ed il Magistero, in accordo con i tempi nuovi….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana