Google+

Papa Francesco incontra Hollande. La “supplica” dei cattolici francesi

gennaio 22, 2014 Redazione
Il sito culturacattolica.it ha tradotto la “Supplica al Papa da parte di un gruppo di cattolici francesi”. Papa Francesco incontrerà il presidente francese il 24 gennaio. Il testo della lettera è diventato una petizione che finora è stata sottoscritta da più di centomila persone.

Santità,

avete concesso udienza al Presidente della Repubblica Francese che riceverete in Vaticano il prossimo 24 gennaio.
È con fiducia e speranza che ci rivolgiamo a Voi, Santità, per domandare, cortesemente, di farvi interprete, presso Monsieur François Hollande, del profondo disagio e dell’inquietudine crescente di numerosi cattolici francesi.
Disagio, perché i cattolici francesi che si sono sollevati in massa per gridare la loro opposizione alla legge detta “mariage pour tous”, legge ingiusta che priva deliberatamente il bambino del suo diritto ad avere un padre ed una madre, e che apre la via alla mercificazione del corpo umano, non sono stati ascoltati da Monsieur François Hollande. Queste manifestazioni, benché non violente, sono state represse con metodi indegni denunciati, tra l’altro, dal Consiglio d’Europa nella sua risoluzione 1947.
Disagio poiché, da un anno, i cattolici francesi sono oggetto di una campagna mediatica di denigrazione di rara violenza.
Le profanazioni delle chiese si sono moltiplicate recentemente per iniziativa di un gruppo di femministe radicali, le Femen. Queste profanazioni non hanno praticamente trovato eco nei media; nessun membro del governo o responsabile politico della maggioranza ha ritenuto utile condannare queste profanazioni che ci feriscono e, neppure, di esprimere la loro solidarietà. Le denunce sono state insabbiate. Molti cattolici francesi non possono esimersi di fare il paragone con la severità unanime e giustificata delle reazioni quando sono altre comunità religiose ad essere attaccate in Francia.
Disagio, infine, perché non si contano gli sfottò e gli attacchi da parte delle più alte autorità. Su una grande radio nazionale, qualche mese fa, il Ministro del Lavoro metteva in ridicolo la Santa Eucaristia dichiarando: «Non stiamo elevando invocazioni. Non siamo alla Messa a fare delle preghiere. Noi siamo nell’azione». Sui social network, il segretario parlamentare di un senatore socialista, presentatore del progetto di legge di approvazione del matrimonio omosessuale, invitava a sparare sulla folla dei manifestanti che si opponevano alla legge Taubira e ha ricevuto il sostegno incondizionato di questo senatore. Gli esempi, che si potrebbero scegliere sono purtroppo tantissimi. I cattolici francesi sono stanchi di essere un gruppo religioso che si può denigrare impunemente.
Inquietudine, perché questi attacchi contro i cattolici vanno di pari passo con il promuovere, da parte del governo, una grande regressione dei diritti fondamentali della persona umana, attraverso le percosse della cultura della morte.
Lo scorso mese di luglio, l’Asseblée Nationale ha definito le condizioni della ricerca sugli embrioni umani. I cattolici francesi riaffermano il loro rifiuto di una concezione del bambino nella quale quest’ultimo non ha dei propri diritti, al di fuori del progetto dei suoi genitori su di lui.
Recentemente, il delitto di ostacolo all’aborto è stato esteso al semplice esprimere una parola critica riguardo all’aborto e alle sue conseguenze ad una donna che viene a chiedere consiglio. Ai cattolici francesi sarà così impedito per il futuro di esprimere la loro opposizione alle politiche di promozione dell’aborto, con disprezzo della libertà di opinione che è stata, fin d’ora, il fondamento della nostra democrazia.
Il governo getta le basi per far votare una legge che autorizza l’eutanasia; per questo fine molti membri del Comitato Nazionale Consultativo d’Etica sono stati sostituiti da Monsieur François Hollande e nessun rappresentante delle autorità religiose ne fa parte.
Infine, il Ministro dell’Educazione Nazionale, che è il promotore attivo della teoria del Gender nella scuola, ha affermato chiaramente la sua volontà di «sradicare l’alunno da ogni condizionamento», compresi i condizionamenti familiari. In questo modo, il diritto dei genitori di educare i figli conformemente alle loro convinzioni è minacciato.
Santità, saprete, ovviamente, trovare meglio di noi le parole per esprimere il nostro disagio riguardo all’insieme degli argomenti sopra enunciati, ma vi preghiamo, con fiducia e gratitudine, di voler esprimere ufficialmente a Monsieur François Hollande, in occasione della sua visita alla Santità Vostra il prossimo 24 gennaio, la terribile inquietudine di numerosi cattolici francesi.
Abbiamo l’onore di dirci, con il più profondo rispetto, della Santità Vostra umilissimi e devoti servitori.
Un collettivo di cattolici francesi
(Traduzione a cura di don Pierre Laurent Cabantous)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. giuliano scrive:

    anche i vermi hanno diritto ad essere ricevuti, rimangono, però, vermi

  2. giuseppe scrive:

    Cambia solo la specie, di verme.

  3. Giusi scrive:

    Perché Hollande non ci deve andare? Confido di più nel carisma di Papa Francesco, e di Chi rappresenta che nella stupidità di Hollande.

  4. celeste scrive:

    Mi viene da vomitare. Il “chi” con la c maiuscola, poi, è un capolavoro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

Debutto o ritorno? In realtà entrambe le cose perché se Moto Morini ha avuto anche un passato a pedali, la versione a motore rappresenta comunque una novità. Completamente nascosti alla vista, ad assistere la pedalata ci sono un motore da 250 W, una batteria agli ioni di Litio, il meccanismo per la frenata rigenerativa e […]

L'articolo Moto Morini di nuovo a pedali proviene da RED Live.

Il ritornello che riecheggia nel mondo dell’auto parla sempre di guida autonoma e, che ci piaccia o no, è probabile che nel giro di qualche tempo finiremo per cedere il volante e l’intero comando dell’auto alle centraline di bordo. Nel frattempo però ci sarà spazio per la guida assistita, che si manifesta e si manifesterà […]

L'articolo Nissan e-Pedal: l’auto con un solo pedale proviene da RED Live.

COSA: PIAGGIO WI-BIKE, test ride nello splendido scenario del Golfo Aranci   DOVE E QUANDO: Golfo Aranci, Olbia-Tempio, fino al 23 agosto Per chi è in vacanza in Sardegna, precisamente in zona Golfo Aranci, fino al 23 agosto avrà l’opportunità di provare la Piaggio Wi-Bike, un mezzo rispettoso dell’ambiente e polivalente. A ciò si aggiunge […]

L'articolo RED Weekend 20-23 luglio, idee per muoversi proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana