Google+

Papa Francesco incontra Hollande. La “supplica” dei cattolici francesi

gennaio 22, 2014 Redazione
Il sito culturacattolica.it ha tradotto la “Supplica al Papa da parte di un gruppo di cattolici francesi”. Papa Francesco incontrerà il presidente francese il 24 gennaio. Il testo della lettera è diventato una petizione che finora è stata sottoscritta da più di centomila persone.

Santità,

avete concesso udienza al Presidente della Repubblica Francese che riceverete in Vaticano il prossimo 24 gennaio.
È con fiducia e speranza che ci rivolgiamo a Voi, Santità, per domandare, cortesemente, di farvi interprete, presso Monsieur François Hollande, del profondo disagio e dell’inquietudine crescente di numerosi cattolici francesi.
Disagio, perché i cattolici francesi che si sono sollevati in massa per gridare la loro opposizione alla legge detta “mariage pour tous”, legge ingiusta che priva deliberatamente il bambino del suo diritto ad avere un padre ed una madre, e che apre la via alla mercificazione del corpo umano, non sono stati ascoltati da Monsieur François Hollande. Queste manifestazioni, benché non violente, sono state represse con metodi indegni denunciati, tra l’altro, dal Consiglio d’Europa nella sua risoluzione 1947.
Disagio poiché, da un anno, i cattolici francesi sono oggetto di una campagna mediatica di denigrazione di rara violenza.
Le profanazioni delle chiese si sono moltiplicate recentemente per iniziativa di un gruppo di femministe radicali, le Femen. Queste profanazioni non hanno praticamente trovato eco nei media; nessun membro del governo o responsabile politico della maggioranza ha ritenuto utile condannare queste profanazioni che ci feriscono e, neppure, di esprimere la loro solidarietà. Le denunce sono state insabbiate. Molti cattolici francesi non possono esimersi di fare il paragone con la severità unanime e giustificata delle reazioni quando sono altre comunità religiose ad essere attaccate in Francia.
Disagio, infine, perché non si contano gli sfottò e gli attacchi da parte delle più alte autorità. Su una grande radio nazionale, qualche mese fa, il Ministro del Lavoro metteva in ridicolo la Santa Eucaristia dichiarando: «Non stiamo elevando invocazioni. Non siamo alla Messa a fare delle preghiere. Noi siamo nell’azione». Sui social network, il segretario parlamentare di un senatore socialista, presentatore del progetto di legge di approvazione del matrimonio omosessuale, invitava a sparare sulla folla dei manifestanti che si opponevano alla legge Taubira e ha ricevuto il sostegno incondizionato di questo senatore. Gli esempi, che si potrebbero scegliere sono purtroppo tantissimi. I cattolici francesi sono stanchi di essere un gruppo religioso che si può denigrare impunemente.
Inquietudine, perché questi attacchi contro i cattolici vanno di pari passo con il promuovere, da parte del governo, una grande regressione dei diritti fondamentali della persona umana, attraverso le percosse della cultura della morte.
Lo scorso mese di luglio, l’Asseblée Nationale ha definito le condizioni della ricerca sugli embrioni umani. I cattolici francesi riaffermano il loro rifiuto di una concezione del bambino nella quale quest’ultimo non ha dei propri diritti, al di fuori del progetto dei suoi genitori su di lui.
Recentemente, il delitto di ostacolo all’aborto è stato esteso al semplice esprimere una parola critica riguardo all’aborto e alle sue conseguenze ad una donna che viene a chiedere consiglio. Ai cattolici francesi sarà così impedito per il futuro di esprimere la loro opposizione alle politiche di promozione dell’aborto, con disprezzo della libertà di opinione che è stata, fin d’ora, il fondamento della nostra democrazia.
Il governo getta le basi per far votare una legge che autorizza l’eutanasia; per questo fine molti membri del Comitato Nazionale Consultativo d’Etica sono stati sostituiti da Monsieur François Hollande e nessun rappresentante delle autorità religiose ne fa parte.
Infine, il Ministro dell’Educazione Nazionale, che è il promotore attivo della teoria del Gender nella scuola, ha affermato chiaramente la sua volontà di «sradicare l’alunno da ogni condizionamento», compresi i condizionamenti familiari. In questo modo, il diritto dei genitori di educare i figli conformemente alle loro convinzioni è minacciato.
Santità, saprete, ovviamente, trovare meglio di noi le parole per esprimere il nostro disagio riguardo all’insieme degli argomenti sopra enunciati, ma vi preghiamo, con fiducia e gratitudine, di voler esprimere ufficialmente a Monsieur François Hollande, in occasione della sua visita alla Santità Vostra il prossimo 24 gennaio, la terribile inquietudine di numerosi cattolici francesi.
Abbiamo l’onore di dirci, con il più profondo rispetto, della Santità Vostra umilissimi e devoti servitori.
Un collettivo di cattolici francesi
(Traduzione a cura di don Pierre Laurent Cabantous)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. giuliano scrive:

    anche i vermi hanno diritto ad essere ricevuti, rimangono, però, vermi

  2. giuseppe scrive:

    Cambia solo la specie, di verme.

  3. Giusi scrive:

    Perché Hollande non ci deve andare? Confido di più nel carisma di Papa Francesco, e di Chi rappresenta che nella stupidità di Hollande.

  4. celeste scrive:

    Mi viene da vomitare. Il “chi” con la c maiuscola, poi, è un capolavoro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana