Google+

Papa Francesco ha qualcosa da insegnare anche ai manageroni

novembre 2, 2013 Pippo Corigliano

La tenerezza. Una delle sorprese di papa Francesco, fin dall’inizio del pontificato, è stata l’invito a non aver paura della tenerezza. La tenerezza è considerata una virtù principalmente femminile. È la donna che trasmette la vita e l’amore, ed è perciò maestra di tenerezza. Il Papa rivolge quest’invito anche agli uomini, non per effeminarli ma per insegnare a manifestare l’amore che portano dentro.

Viviamo un’epoca in cui è tenuta in gran conto la professionalità: il modello vincente è il manager duro ed efficiente e, possibilmente, senza scrupoli. Ma perfino gli studi americani più avanzati in tema di management rivelano che il buon manager deve saper essere accogliente: capace di considerare l’interlocutore come una persona nel suo insieme. In altri termini, non deve aver paura della tenerezza.
Ecco che si riscoprono le virtù cristiane che rendono amabile la convivenza anche nelle circostanze più comuni della vita. Si sente il bisogno di persone allegre o perlomeno serene.

Una persona che è quasi sempre di buon umore è un tesoro, una risorsa. Anni fa si cantava di più: l’operaio fischiettava e la donna che lavava per terra si cimentava nell’ultima canzone d’amore. La vera sorgente di questa gioia è l’armonia interiore col Creatore. Perciò il Papa ci parla di tenerezza: la fede c’entra eccome. Se so che la Provvidenza provvede (e che per chi ama Dio tutto coopera al bene, Rm 8,28) sono disposto a un sorriso e perfino a dire “buongiornissimo”, anche nelle brume della mattina.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Mario Rossi scrive:

    Ma questo proselitismo bisogna farlo sì o no? Papa Francesco dice di no.

  2. Mario Rossi scrive:

    Ma in certe realtà ecclesiali il proselitismo è ritenuto essenziale, è considerato segno certo dell’ autenticità della vocazione.

  3. Mario Rossi scrive:

    No, cattoliche. Ma Corigliano sa a cosa voglio riferirmi (ammesso che legga questi commenti, cosa di cui dubito). A scanso di equivoci, preciso che non mi riferisco a CL.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana