Google+

«Fino a 48 ore prima, papa Francesco doveva sfumare la cosa del genocidio armeno»

maggio 16, 2015 Redazione

Il coraggioso discorso con cui papa Francesco, il 12 aprile, ha denunciato nella basilica di San Pietro il «genocidio del popolo armeno» davanti a tutte le più importanti autorità religiose e civili armene, non doveva avere luogo fino a due giorni prima. A svelarlo è stato Raphaël François Minassian, arcivescovo dei cattolici armeni in Europa orientale. L’alto prelato è intervenuto il 14 maggio al Centro culturale di Milano in occasione dell’incontro “Identità, testimonianza, martirio: cosa significa essere un popolo“. Ha dichiarato: 

«Dovete sapere che una certa corrente voleva mettere in primo piano il conferimento del titolo di dottore della Chiesa a san Gregorio di Narek e sfumare invece la cosa del genocidio. Noi, 48 ore prima della Messa in San Pietro, abbiamo fatto un appello rivolgendoci direttamente al Papa. Poi il programma è cambiato. Continuare a dire la verità, nonostante tutte le difficoltà. Questo è il compito della Chiesa cattolica».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. Livio scrive:

    sfumare la cosa del genocidio? certo che il Vaticano è pieno di leoni

    • Orazio Pecci scrive:

      DA «Il coraggio, uno non se lo può dare.»
      CF«…c’è Chi ve lo darà infallibilmente, quando glielo chiediate…»

      Si vede che in Vaticano c’è chi non pensa che dovrebbe chiedere invece di dar pareri…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana