Google+

Pale d’altare italiane in mostra alla National Gallery di Londra

luglio 14, 2011 Mariapia Bruno

 E’ un bella pagina di storia d’arte sacra quella proposta dalla National Gallery di Londra che, all’interno del postmoderno Sainsbury Wing, presenta, fino al 2 ottobre 2011, una ricca collezione di pale d’altare italiane prodotte fra il XIII e il XV secolo. Polittici, trittici e dossali ornano le nostre chiese sin dal Medioevo: posti solitamente sopra o dietro l’altare o all’interno delle cappelle private, conobbero grande diffusione soprattutto nel Quattrocento per poi diventare oggetto di collezionismo nei secoli successivi. “Devotion by Design: Italian Alterpieces before 1500″ (trad. La devozione attraverso l’immagine: pale d’altare italiane pre-cinquecentesche), è il titolo di questo appuntamento espositivo che, inserito in un ciclo di mostre estive tratte dalla collezione permanente della National Gallery, consente allo spettatore di apprezzare e conoscere in modo inusuale questo genere artistico di antica tradizione.

 

L’originale allestimento mette in mostra più di quaranta opere, alcune delle quali montate su basi non fissate al muro per consentire al visitatore di esaminarne la struttura, altre mostrate senza cornice in modo da rivelare gli indizi sui loro aspetti e le loro funzioni originali, altre ancora, prive di alcune parti, ricostruite virtualmente. Un’intera sala è stata, inoltre, allestita in modo da rievocare una chiesa del periodo rinascimentale, con musiche del tempo, un crocifisso d’altare, candele e altri elementi liturgici che regalano all’osservatore la sensazione di trovarsi dinanzi a delle pale d’altare in un luogo sacro del XV secolo. Tra le opere più importanti la Madonna e bambino tra angeli e santi (1461-2) di Benozzo Gozzoli, L’ascensione di San Giovanni evangelista (1420 circa) di Giovanni dal Ponte e San Girolamo (1490 circa) di Francesco Botticini, alcuni pezzi di Piero della Francesca e Andrea Mantegna e un pannello – visibile da entrambi i lati – di recente attribuzione che rappresenta Il Cristo morto e la Madonna, del 1340-55 circa.  

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana