Google+

Palazzo Reale presenta Tiziano, l’inventore del paesaggio moderno

febbraio 17, 2012 Mariapia Bruno

Non più semplice scenario di sfondo, racconto in lontananza di spaccati di vita bucolica in una natura ospitale, nel Cinquecento il Paesaggio diventa oggetto – e soggetto – di una rivoluzione poetica: si trasforma, si idealizza e diventa protagonista. Il padre di questa rivoluzione è il ben noto pittore veneziano Tiziano Vecellio, il primo ad usare il termine “paesaggio” in una lettera all’imperatore Filippo II del 1552, che testimonia la sua piena consapevolezza di questa idea moderna dell’ambiente naturale. Panorami immaginati, vegetazioni improbabili, fenomeni atmosferici turbolenti e impetuosi, tramonti rosso fuoco, notturni onirici cominciano a infestare le tele dei pittori del tempo, come Giorgione, Veronese, Bassano e Tintoretto, creatori di quelle splendide composizioni protagoniste della mostra “Tiziano e la nascita del paesaggio moderno”, appena inaugurata al Palazzo Reale di Milano. Un percorso suggestivo che prende vita con due grandi capolavori – la “Crocifissione nel paesaggio” di Giovanni Bellini e “La prova del fuoco” di Giorgione – accostati ad una nota composizione giovanile di Tiziano, “La sacra conversazione”.


Seguono le atmosfere di semplicità bucolica e leggendaria dell’Arcadia di Jacopo Sannazzaro e l’ambiente di respiro a volte romantico – con le fioche luci dell’alba o del tramonto – a volte estremamente vero degli artisti del Nord Europa, imbattibili nella resa dei più minuziosi dettagli, come nel “Paesaggio boschivo con fattoria e mulino” di Pieter Bruegel il Vecchio. Fantasiosa e non più abitata da presenze umane è la natura di Domenico Campagnola, manierista quella di Paolo Veronese, in contrasto con l’ordine imposto dall’uomo quella di Lambert Sustris, di ambiente “selvaticamente germinante” quella dell’ultimo Tiziano. Chiudono la rassegna lo splendido Narciso di Tintoretto, dove il giovane protagonista viene accarezzato da una sensuale luce che lo riflette bello e vanitoso nell’acqua trasparente, ed un ultimo gruppo di dipinti di Tiziano – “L’Orfeo e Euridice”, “La Nascita di Adone”, “Tobiolo e l’angelo” e “L’adorazione dei pastori”. Fino al 20 maggio 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana