Google+

Pablo Picasso, il tocco di uno spagnolo nell’Inghilterra modernista

febbraio 9, 2012 Mariapia Bruno

Famoso come pochi, creatore di quelle opere inconfondibili dall’aura leggendaria, come Guernica e Les demoiselles d’Avignon, allo spagnolo Pablo Picasso si spalancano sempre le porte di grandi e piccoli musei. Questa volta sarà il londinese Tate Britain a prepararsi all’arrivo di alcune opere del maestro e all’immancabile seguito di amatori, profani e curiosi impazienti di ammirare, dal prossimo 15 febbraio, la mostra Picasso and Modern British Art. Chiaro fin dal titolo, il fil rouge della retrospettiva è il rapporto tra il pittore e il mondo artistico britannico a lui contemporaneo: dalla sua reputazione di celebrità controversa al modo variegato in cui influenzò i pittori inglesi che a lui si ispirarono.


Saranno infatti le opere moderniste dei pittori Duncan Grant, Wyndham Lewis, Ben Nicholson, Henry Moore, Francis Bacon, Graham Sutherland e David Hockney – quest’ultimo così ossessionato dal lavoro di Picasso tanto da visitare nel 1960 al Tate la più grande mostra mai fatta su di lui ben otto volte – ad affiancare le sessanta opere del maestro, simboli di quelle significative trasformazioni artistiche attuatesi nel XX secolo. Colonne portanti dell’intera retrospettiva saranno le opere Man with a Clarinet (Uomo con clarinetto) del 1911-12 e la Weeping Woman (Donna piangente) del 1937. Meritano infine un’attenzione particolare i Three Studies for Figures at the Base of a Crucifixion (Tre studi per figure alla base di una Crocifissione) eseguite da Bacon nel 1944, capolavori che segnano l’inizio della storia artistica del pittore e che trasmettono un senso di orrore sconcertante come quello dei disegni del Picasso turbato dalla guerra.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana