Google+

Ostriche, hamburger, filetto con foie gras. Da Giacomo si mangia tutto a tutte le ore tutti i dì

ottobre 7, 2013 Tommaso Farina

Mangiare qualcosa a tutte le ore, è una delle faccende che spesso gli italiani invidiano agli americani. Non panini, toast, pizzette: proprio potersi sedere in qualcosa che sembri un ristorante, e mangiare qualcosa che rassomigli a un piatto.

Questo pensò Giacomo Bulleri, grintoso giovanotto classe 1925, quando a Milano, cinque o sei anni fa, ideò il Giacomo Bistrot. Giacomo è un bel nome della ristorazione cittadina. Da circa cinquant’anni mantiene aperto il suo ristorante Giacomo, devoto al pesce, preceduto da un assaggio di pizza alla toscana (lui viene da Collodi, il paese della mamma di Lorenzini, l’autore di Pinocchio). Solo che, non essendo, per sua stessa ammissione, mai contento di niente, Bulleri a un certo punto ha deciso di rimettersi in gioco con questo bistrot. Aperto dalle 12 a mezzanotte, tutti i giorni. L’ambiente è caldo, ammiccante al punto da strizzare l’occhiolino ai veri bistrot francesi con poltrone e perfino una scansia di bei libri antichi.

La cucina? Piatti di varia estrazione, sia tradizionali sia “giovanili”. Si può cominciare con le ostriche (siamo un bistrot o no?) o con la crema di baccalà mantecato su crostone di pane al nero e pomodori secchi. Si prosegue con i paccheri alla gricia; il risotto ai porri e zafferano con cuore di Gorgonzola; i tagliolini neri con finferli e scampi.

Tra i piatti forti, si segnalano l’hamburger e il cheeseburger, lontani parenti di quelli delle multinazionali: carne eccellente, cottura perfetta, ottime patate. Se no, filetto con foie gras e cappella di porcino; nodino di vitello cotto a bassa temperatura al Passito di Pantelleria e uvetta; rombo alla livornese. Si chiude con la crostata di crema cotta e amarene.

C’è una bella carta dei vini. Volendo, ci si può fermare anche solo per un tè o un cocktail o un panino (oltre agli hamburger, ci sono i club sandwich e varie tartine). La spesa? Sui 60 euro, con quattro piatti e un eccellente servizio. Ribadiamo: è sempre aperto, sette giorni su sette, senza cedimenti. Bravo Giacomo.

Per informazioni
Giacomo Bistrot
www.giacomobistrot.com
Via P. Sottocorno, 6 – Milano
Tel. 02 76022653 – Non chiude mai

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana