Google+

L’ostinazione di Maddalena

giugno 23, 2016 Marina Corradi

maddalena-giotto-basilica-inf

Pubblichiamo la rubrica di Marina Corradi contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Come tornarono a casa i primi discepoli di Cristo dopo avere assistito alla cattura, alla flagellazione, alla morte sulla croce? Saranno stati spaventati e sconvolti, e forse qualcuno dubitava di essersi ingannato, nell’aver seguito quell’uomo; forse erano disperati, avendo visto morire il solo in cui avevano deposto la loro speranza.

Ma ci fu una, che in quella notte del sabato non si rassegnò. Me la immagino insonne, affranta – che spaventevole dolore, dubitare che Cristo fosse stato una illusione. Eppure, nel suo strazio, ostinata: si alzò che era ancora buio, e prima dell’alba andò al sepolcro. Mi pare di vederla nei vicoli stretti di Gerusalemme ancora addormentata, mentre va verso il Sepolcro. Lo scalpiccio dei suoi passi, mi sembra di sentirli, affrettati, come di chi proceda senza voltarsi. Ai crocicchi i soldati romani assonnati davanti agli ultimi resti di un fuoco la guardano e la lasciano passare: una madre, pensano, in ambasce per una sua creatura. Le vesti, che nell’andare si muovevano di vento, il volto bello e sensuale appena sfiorito.

Il sepolcro è vuoto. È sgomento o speranza quel tuffo al cuore? Corre ora Maddalena, corre da Pietro – nella città ancora silenziosa lo scalpiccio affannato è il primo segno dell’inaudito. E gli apostoli arrivano di corsa, vedono, e turbati se ne tornano a casa. Lei no, lei inconsolabile resta lì, accasciata, come anche lei svuotata: rimane, ostinata. Cocciuta: vuole almeno quel corpo da abbracciare, da piangere, come una madre pretende il corpo del figlio morto.

Una figura le si staglia alle spalle, improvvisa. Sussulta lei nello scorgerlo, e di nuovo spera: «Tu sai dove l’hanno posto?». E poi l’istante del riconoscerlo è una fiammata di gioia deflagrante, una gioia non trascrivibile in parole. «Maria!». «Rabbuni!». (Cosa deve essere stato quell’abbraccio, secondi di tempo in cui è rappreso l’infinito). Poi, Lui deve andare. E va ora Maddalena, ad annunciare. Apostola degli apostoli, la chiamò Tommaso, e Gregorio Magno la contrappose a Eva: quella dal giardino dell’Eden diffuse la morte, questa dal Sepolcro annunciò la vita.

Ora, per volere del Papa, il 22 luglio, santa Maddalena, è festa. Ma quel primo annuncio, a pensarci, è la conseguenza di una testarda fedele ostinazione, di un non sapersi, Maddalena, in quella notte, rassegnare. Nel vertice di buio che fu la morte di Cristo, ci fu una donna, che continuò a sperare. Maddalena è la santa delle notti più oscure, quando tutti disperano, o sfiniti si addormentano. È madre e figlia assieme, visceralmente marchiata dall’amore di Cristo: della sua morte inconsolabile – e fu per questo che, prima, venne consolata.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

Forse la questione passa un po’ inosservata, dato che spesso la nostra attenzione è concentrata per lo più sulle prestazioni dei piloti tra i cordoli. Ma quanto è importante poter contare su abbigliamento e accessori adeguati per affrontare le competizioni in auto? Diremmo fondamentale, tanto più che tutto il “guardaroba” deve essere composto da indumenti che rispettino requisiti […]

L'articolo Tutto quello che serve per correre in auto secondo Alpinestars proviene da RED Live.

È l’anti-tedesca per eccellenza. Una delle poche berline alto di gamma in grado di fronteggiare a testa alta le rivali Audi, BMW e Mercedes-Benz. Jaguar XJ, dopo aver scardinato la tradizione del Giaguaro vestendosi di linee ardite e sinuose, si rinnova in vista del 2018 e amplia la gamma grazie alla strabordante XJR575 da 575 […]

L'articolo Jaguar XJ 2018: 575 cv al top proviene da RED Live.

Brutale e sconvolgente, tanto nella linea quanto nel carattere. Nata nel 1987 ed erede di 288 GTO, era una vettura da corsa adattata all’utilizzo stradale. Un mito da 478 cv, 324 km/h, 0-100 km/h in 4,1”, 1.100 kg e, soprattutto, 162,8 cv/litro. L’elettronica? Sconosciuta

L'articolo Ferrari F40: io sono leggenda proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana