Google+

Ora che finalmente le Woodstock hanno lasciato il posto alle Gmg

marzo 30, 2014 Pippo Corigliano

Sono tornato ad occuparmi della formazione alla fede per studenti universitari e liceali: attività che ho sempre tenuto d’occhio ma che mi ha visto particolarmente impegnato negli anni Settanta. Noto una differenza fra i giovani d’allora e quelli di adesso. In quegli anni lontani (e ancora così vicini) per i giovani vigeva l’obbligo di contestare il mondo degli adulti: non era ammissibile che un adulto dicesse qualcosa e un giovane in qualche modo non lo contestasse.

C’era un clima di rinnovamento generale. Il mondo del passato andava superato e la fantasia doveva andare al potere. C’era quasi una lotta di classe fra giovani e adulti. Per far passare il messaggio cristiano bisognava metterne in luce il lato perennemente rivoluzionario. Oggi no. I giovani sono in continua richiesta di una guida da parte degli adulti o, meglio, sono alla ricerca di adulti che abbiano qualcosa da insegnare.
Nel film Notte prima degli esami (2006) il professore rivela all’allievo la sua nostalgia di Woodstock (1969) e gli chiede un po’ di droga. È la scena più schifosa vista negli ultimi anni. Il professore ha un’autorità di facciata ma è più sbandato dell’allievo.

È il tradimento del padre. Oggi non ci sono più le Woodstock ma le Giornate Mondiali della Gioventù con adunate più numerose degli hippies di allora. Ora non ci sono difficoltà pregiudiziali per avviare i giovani alla fede. I ragazzi chiedono solo un esempio e una testimonianza. Devo solo non deluderli e dedicarmi davvero a loro…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. semi nasale scrive:

    Alleluia

  2. Antonio scrive:

    mah,a me la maggior parte della squallida società odierna sembra un’enorme vomitevole woodstock.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana