Google+

Olimpiadi: le divise americane sono made in China. «Allora bruciamole»

luglio 17, 2012 Leone Grotti

Quando Nick Symmonds, che correrà a Londra gli 800 metri per gli Stati Uniti, ha scoperto che le divise a stelle e strisce per la cerimonia di apertura delle Olimpiadi sono “made in China”, ha commentato su Twitter: «Le nostre uniformi della Ralph Lauren per la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi sono fatte in Cina? Beh, allora grazie Cina». Era sarcastico, ovviamente. A Pechino, però, non hanno notato la vena ironica di Symmonds e hanno subito fatto scrivere un articolo sul China Daily, la versione inglese del Quotidiano del popolo, megafono del Partito comunista. Tutto il pezzo era improntato su questo tono: «[L’atleta americano] esprime i suoi sinceri ringraziamenti alla Cina».

Ralph Lauren veste gli olimpionici Usa dal 2008 ma non aveva mai fatto produrre le divise in Cina. E ora che figura ci fa il paese? Il senatore democratico Harry Reid ha commentato senza mezze misure: «Penso che dovremmo prendere tutte le uniformi, fare una grande pila e bruciarle, per poi produrne di nuove». Xinhua, l’agenzia statale del Dragone, ha risposto piccata: «I commenti del signor Reid denotano nazionalismo e ignoranza. La furia sulle uniformi olimpiche fatte in Cina è solo l’ennesimo esempio della lotta politica feroce, e a volte ridicola, che va avanti a Washington quando si è vicini alle elezioni».

Gli Stati Uniti sono stati costretti a incassare e Ralph Lauren, dopo la gaffe, per non vedersi togliere l’esclusiva delle divise, ha subito annunciato che quelle per le Olimpiadi invernali del 2014 saranno rigorosamente made in United States. Non solo, un comunicato dell’azienda recita: «Ralph Lauren parlerà con il governo per discutere del tema di come incrementare il settore manifatturiero in America».

Non è la prima volta che gli Stati Uniti si trovano in questa imbarazzante situazione. Nel 2002, anno dei giochi olimpici invernali a Salt Lake City, i tedofori a stelle e strisce che portavano la torcia olimpica si accorsero che vestivano delle uniformi “made in Myanmar”, nuovo nome della Birmania, paese comandato da una giunta militare che ha preso il potere con un colpo di Stato, imprigionato il premio Nobel Aung San Suu Kyi e che in generale non brilla per il rispetto dei diritti umani. Non solo, il paese era anche sottoposto a sanzioni economiche dagli stessi Stati Uniti. Susan Bonfield, tedofora americana nel 2002, commentò: «Quando mi sono resa conto che sull’etichetta c’era scritto “made in Myanmar”, tra un po’ diventavo matta. Se commissioni a una dittatura militare un lavoro che deve rappresentare tutti gli Stati Uniti, qualche problema c’è».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Migliorare si può: i grandi dello sport lo hanno dimostrato e raccontato nel corso di una serata milanese in cui si è dato spazio anche al progetto di solidarietà Bimbingamba.

Il primo Suv di casa Škoda ha appena visto la luce ma fa già la voce grossa. Tre motorizzazioni benzina e Diesel, trazione 4x4, cambio automatico a doppia frizione, spazi interni da riferimento, prezzi da 23.950 euro. Arriverà a dicembre

Il design si ispira alla MT-10 ma la facilità e il gusto di guida restano quelli di sempre, al prezzo decisamente concorrenziale di 8.990 euro f.c. In vendita da dicembre

Ecco le nostre proposte per il fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

Sul percorso del Monza Rally Show 2016 con la nuova Ford Focus RS. 351 cavalli, drift mode per guidare come Ken Block ma soprattutto un feeling in circuito superiore alle aspettative. Il mondo RS dell'ovale blu torna con un prezzo sorprendente di 39.500 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana