Google+

Oggi è la Giornata di preghiera per la pace in Iraq. Sako: «Signore, donaci pace e stabilità»

agosto 6, 2014 Redazione

Oggi, Festa della Trasfigurazione, Aiuto alla Chiesa che Soffre promuove una giornata di preghiera per la pace in Iraq. L’invito è rivolto da ACS assieme al patriarca caldeo Louis Raphael I Sako, che ha composto la preghiera di invocazione alla pace. «Con i cristiani iracheni – scrive il patriarca in un messaggio alla fondazione pontificia – mi unisco a quanti tenderanno le mani al Signore invocando la pace in Iraq. Uniamo i nostri cuori e le nostre voci davanti al Signore».

Di seguito la preghiera composta da Sako:

Signore,
la piaga della nostra nazione
è profonda e la sofferenza dei cristiani
è grande e ci spaventa.
Dunque Ti chiediamo Signore
di proteggere le nostre vite, di concederci il coraggio e la pazienza
di continuare a testimoniare i nostri valori cristiani con fiducia e speranza
Signore, la pace è fondamento di ogni vita.
Donaci pace e stabilità
per vivere insieme l’uno con l’altro senza paura, angoscia, ma con dignità
e gioia.
A Te la lode e la gloria per sempre.

† Louis Raphael I Sako, Patriarca di Babilonia dei Caldei

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

7 Commenti

  1. giuliano scrive:

    forse il Signore ascolterà i Cristiani Iracheni poichè sono martiri e sono rimasti vere persone in quanto uomini e donne ancora sani. Non credo che ascolterà le preghiere degli Italiani in quanto si sono pervertiti con la sodomia e l’aborto

  2. Valentina scrive:

    Non esiste alcun Dio né qualsiasi altra divinità che ascolti ed esaudisca le preghiere degli uomini. I cristiani pregano da sempre il loro Dio per ottenere pace, salute, prosperità; la stessa cosa fanno i credenti delle altre religioni con i loro dèi. Ma le guerre, le malattie, la povertà continuano ad esistere. La preghiera è inutile, non serve a niente. Se si vuole ottenere qualcosa, occorre impegnarsi e lavorare sodo. La pace si ottiene impegnandosi in prima persona e collaborando con gli altri, non pregando un’inesistente divinità affinché la pace piova dal cielo per incanto.

    • Law scrive:

      Non vedo come “preghiera” e “lavoro sodo” si contrastino a vicenda…

    • daniperri scrive:

      Presumo che tu ti impegni in prima persona, lavori sodo e collabori con gli altri. Ma le guerre, le malattie, la povertà continuano a esistere. Forse pregare serve …nella mia esperienza Dio esaudisce.

      • Valentina scrive:

        Sì, io sono abituata a lavorare sodo sin da quando ero ragazzina e attualmente ho un lavoro impegnativo che mi porta a collaborare con molte persone. E questo aspetto del mio lavoro mi piace molto. Per il resto, lei ha la sua esperienza e io ho la mia. Nella mia esperienza, e soprattutto in quella di tanti credenti che pregano, Dio non è mai intervenuto. Contro le guerre serve la diplomazia, contro le malattie serve la scienza medica, contro la povertà serve l’istruzione, il lavoro e un’equa distribuzione delle risorse disponibili. Tutto questo richiede impegno e collaborazione. Per me è così. Se poi lei non è d’accordo, non c’è problema, riconosco a ognuno il diritto alla propria opinione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana