Google+

Notte di gelo a Reggio Emilia. L’Italia di piazza Prampolini

gennaio 13, 2013 Marina Corradi

Reggio Emilia, dicembre. Notte di gelo. Le strade luccicano di un’umidità portata qui dalle campagne intorno, come ne fosse il fiato. Dalle vie strette chi sbuca su piazza Prampolini sa subito di essere nel cuore di Reggio: davanti ha il Duomo, massiccio, ben piantato su questa terra piatta, e a destra il Municipio, col tricolore che pende immoto. A sinistra la torre dell’orologio col suo quadrante tondo, luminoso, e le lancette che scorrono flemmatiche sulle cifre romane. Su un piedistallo, il Crostolo, dal nome del fiume di Reggio, è un semidio muscoloso che rovescia un’anfora su una fontana; e da una bocca di pietra un filo d’acqua scorre con un gocciolio sottile, come attendendo l’attimo di incantesimo, stanotte, che lo paralizzerà in ghiaccio. E su tutto, nei passi rari degli ultimi che rincasano, nella nebbia che si va alzando, una luce di lampioni gialla, enigmatica – come quella di certe stazioni di provincia in cui i treni passano senza fermarsi, di notte.

Profonda Italia, pensi fra te sorridendo, perché anche se sei di Milano ogni pietra ti è come familiare. Quel fronteggiarsi pacifico di Duomo e Municipio, e il tricolore nella calma di vento, placido, in pace. E quel domestico Nettuno forte e benevolo sul suo piedestallo; e l’antico battistero che sul frontone reca in un bassorilievo il battesimo di Cristo, dolcemente liso da mille estati torride e notti di nebbia, nei secoli. E la torre? È quella torre, che su questa benigna piazza emiliana getta dal suo orologio luminescente un’ombra appena di inquietudine; giacchè silenziosamente testimonia che il tempo, pure in questa terra accogliente, tuttavia passa, senza che noi lo si possa fermare (le lancette adesso spalancate sulle ventuno e quindici, rassegnate al lento colare delle ore).

Quanto densa è stanotte l’Italia di piazza Prampolini, a Reggio Emilia. Con i suoi portici, e le lapidi ai caduti della Resistenza, e la targa che dice che qui nacque il tricolore; e le risate dei ragazzi dall’unico bar ancora aperto, e il fruscìo di ritardatarie biciclette spinte da pigre pedalate. Ti sembra di essere già stata qui, e a lungo, ma, quando? Poi colleghi nella memoria la statua sul piedistallo e la torre dell’orologio, e la piazza vuota nella luce gialla, e capisci: sì, ci sei già stata, ti pare d’essere entrata in una metafisica di De Chirico, dove tutto è sospeso, e attende ciò di cui non si sa nemmeno il nome.

Nelle strade deserte echeggia basso il tonfo dei portoni, dietro alle spalle degli ultimi inquilini. L’orologio, faccia di luna che spia dall’alto i passi degli uomini, severo insiste: il tempo si fa breve. Ma sul portale del battistero Giovanni Battista battezza Cristo, e anche la pietra testimonia che c’è un nome, non corruttibile dal tempo – un nome, eternamente vero.

51/2012

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Stefano Milanesi scrive:

    Pura poesia in prosa.
    Complimenti!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana