Google+

«Noi cristiani siamo amici. Fino al martirio»

giugno 29, 2015 Louis R. Sako

cristiani-profughi-iraq-kurdistan-ansa

«Noi sentiamo che c’è un vuoto in Occidente, un vuoto religioso. La laicità all’occidentale è stata una laicità molto negativa, purtroppo. Chiedo ai cristiani occidentali di non avere paura di mostrarsi cristiani. È un diritto. È uno dei diritti dell’uomo, bisogna reclamarlo, non avere vergogna di dire “io sono cristiano, io sono cattolico”. Devono avere il coraggio di testimoniare la loro fede in mezzo a una società relativista».

«Il nostro martirio nel corso dei secoli, le persecuzioni che abbiamo subito e che subiamo ancora, tutto ciò ha un senso. Non è assurdo. Il martirio significa che esiste un ideale superiore per il quale siamo pronti a sacrificarci, una fedeltà alla nostra fede, alla nostra patria, ai princìpi che abbiamo, all’amicizia! Allo stesso modo in cui i coniugi si donano l’uno all’altro, pronti a morire l’uno per l’altro. Questo è il senso del sacrificio: l’amore è esigente fino alla morte».

«I cristiani nel mondo devono valutare la loro fede alla luce di queste testimonianze che vengono rese un po’ dappertutto, e non avere paura, avere il coraggio di vivere e di testimoniare la loro fede. Una bella citazione di Tertulliano dice: “Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani”. Ci credo pienamente».

«È come il sangue di Cristo che è stato una vittoria per la nascita della Chiesa! Forse alcuni cristiani lasceranno l’Iraq, ma altri resteranno e ci saranno delle conversioni. Ci saranno dei nuovi cristiani grazie a questo sangue e a questa fedeltà».

Louis R. Sako patriarca caldeo di Baghdad, Più forti del terrore (Emi, 2015)

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. beppe scrive:

    ieri grande incontro dei carismatici con il Papa. dopo essermi infastidito per la mielosa AMAZING GRACE , mi sono dovuto commuovere sentendo il papa che ricordava come ” chi uccide i cristiani non gli chiede se sono cattolici o protestanti..”. il nemico non fa distinzioni ma riconosce nell’odio la radice che ci unisce: l’appartenere a Gesù Cristo. …..però poi ho letto che Scalfari considera Papa francesco addirittura ” vicario di Dio”. se l’avesse detto qualche teologo e qualche tradizionalista sarebbe successo il finimondo. il Papa dovrebbe fare più attenzione a quelli che sceglie come suoi interlocutori ….marcello Pera non avrebbe mai detto una castroneria simile. e neanche Oriana Fallaci…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana