Google+

No Tav, per Erri De Luca la violenza in Val di Susa «non è terrorismo ma sabotaggio necessario»

settembre 2, 2013 Redazione

Non esiste “rischio terrorismo” in Val di Susa. L’allarme lanciato dal procuratore Gian Carlo Caselli non sembra affatto interessare lo scrittore Erri De Luca, che sostiene la lotta valligiana contro la linea Torino-Lione e ha pure scritto alcune pagine nel e-book Nemico pubblico. Oltre il tunnel dei media: una storia NoTav. Alle accuse del magistrato di Torino, che punta il dito contro alcuni intellettuali di sinistra per le loro vicinanze al movimento antagonista e contro il movimento “trenocrociato” per la sua evidente deriva violenta, l’autore napoletano risponde laconico con un’intervista all’Huffington Post: «Caselli esagera».

«SABOTAGGI NECESSARI». La sua analisi? Non c’è terrorismo, solo sabotaggio. Prendi, ad esempio, i ragazzi che la scorsa settimana sono stati fermati con alcune bombe molotov in auto. De Luca è ironico: per lui era solo «pericoloso materiale da ferramenta. Proprio quello che normalmente viene dato in dotazione ai terroristi. Mi spiego meglio: la Tav va sabotata. Ecco perché le cesoie servivano: sono utili a tagliare le reti». Tutto lecito quindi: sabotaggi e vandalismi «sono necessari per far comprendere che la Tav è un’opera nociva e inutile». La analisi di De Luca si fa ancora più approfondita quando l’intervistatore gli chiede dei tanti blitz che hanno colpito le aziende che lavorano per costruire la Tav, come quella di Bussoleno, che ha chiuso per i continui danneggiamenti. Azioni lecite? Risposta: «La Tav non si farà. È molto semplice».

COMPLOTTO DELLE BANCHE. Già protagonista degli anni di piombo, Erri De Luca ha vissuto la sua giovinezza a Roma, dove era responsabile del servizio d’ordine di Lotta Continua. Parlando di quel periodo, ha sempre sostenuto con orgoglio di aver fatto parte dell’ultima generazione rivoluzionaria del Novecento. Il terrorismo, disse non più di un anno e mezzo fa in tv, non era quello dei gruppi armati di sinistra, bensì quello delle stragi di piazza Fontana e piazza della Loggia; a queste era da contrapporre la violenza, vera e propria forza promotrice del miglioramento di tante popolazioni nel Novecento. Sono aspetti che vengono fuori anche nella sua intervista sulla Tav di ieri. Non manca ovviamente un pensierino al “gombloddo” che ci starebbe dietro all’alta velocità, voluta da «una decisione presa dalle banche e da coloro che devono lucrare a danno della vita e della salute di una intera valle», il tutto ovviamente con l’avallo della politica, che «ha semplicemente e servilmente dato il via libera». E infine, ecco la profezia: «La Tav non verrà mai costruita. Ora l’intera valle è militarizzata, l’esercito presidia i cantieri mentre i residenti devono esibire i documenti se vogliono andare a lavorare la vigna. Hanno fallito i tavoli del governo, hanno fallito le mediazioni: il sabotaggio è l’unica alternativa». Tira un vento gelido in Val Di Susa: tra posti di blocco, blitz notturni e scontri sembra di essere tornati negli anni di piombo. E De Luca si ha già rispolverato l’eskimo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. beppe scrive:

    spero che almeno avvenire lo abbia licenziato da collaboratore esterno e che smetta di tediarci con le tiritere di questo nullafacente.

  2. Viviana Castelli scrive:

    Responsabile del servizio d’ordine di Lotta Continua e membro dell’ultima generazione rivoluzionaria del Novecento. Che dire di più?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana