Google+

No, “Lucifero” non lo potete chiamare (e nemmeno “BOČ rVF 260602″)

gennaio 2, 2017 Angelo Bonaguro

ljucifer

«– Come lo volete chiamare? – chiese don Camillo alla moglie di Peppone.
– Lenin, Libero, Antonio – rispose lei.
– Vallo a far battezzare in Russia, – disse calmo don Camillo rimettendo il coperchio al fonte battesimale».
Il passo di Guareschi mi è tornato in mente quando ho letto del progetto di legge, in discussione da ottobre al parlamento russo, che intende regolamentare le modalità con cui i genitori possono attribuire il nome ai propri figli. Secondo il testo, presentato dalla senatrice Valentina Petrenko, il nome non può contenere espressioni numeriche o combinazioni di lettere, numeri e simboli, abbreviazioni, costrutti anomali, né avere riferimenti a cariche o ad istituzioni. L’iniziativa della Petrenko era partita da quanto accaduto nella regione di Perm’, dove un bambino è stato registrato all’anagrafe col nome di Lucifero. La senatrice aveva denunciato altri nomi bizzarri come «Principessa Daniella [sic]», «Raggio-Felicità Summerseat Ocean», e il caso limite di «BOČ rVF 260602», che sta per «Prodotto biologico umano concepito da Voronin e Frolova», nato il 26 giugno del 2002 e che ormai adolescente non possiede ancora un documento di identità perché le autorità si rifiutano categoricamente di registrare una persona con un nome simile.

Spesso sono la tv o il cinema a far compiere scelte affrettate: anche in Russia, con la diffusione del serial Il trono di spade, alcuni bimbi sono stati chiamati con i nomi dei personaggi, Arya e Theon. Poi ci sono i genitori patriottici, quelli che a Rjazan’ hanno chiamato il figlio come il partito Russia Unita («Edinaja Rossija»), chi a Omsk si è inventato per la propria figlia l’acronimo «Medmia», composto dalle iniziali del presidente Medvedev Dmitrij Anatol’evič; e che dire del piccolo «Vlapunal» che suona come un antibiotico ma in realtà è l’acronimo di «Vladimir Putin è il nostro leader», e la piccola «Vyborina», «elezioncina». Infine abbiamo una serie di genitori romantici che hanno attribuito ai loro figli nomi come Aurora, Luna, Fiorellino, Oceano, Solicello, Arcobaleno, e… Lattuga.

Già in epoca sovietica erano diffusi nomi creati ad hoc che richiamavano ora i padri della rivoluzione, come «Vladlen» da Vladimir Lenin, «Arvil» da Armija V. Lenina (esercito di V. Lenin), ora la rivoluzione stessa come «Oktjabrina» (ottobrina), «Nojabrina» (novembrina), Dekabrist. A questi si aggiunsero antroponimi che richiamavano nomi di piante, minerali, località, termini matematici o scientifici come «Mediana», «Dizel’», «Kombajn», «Tankist». Nomi apparentemente comuni furono collegati alla nuova ideologia o a personaggi storici che erano presentati come precursori della rivoluzione: «Roza» in onore di Rosa Luxemburg, «Žanna» in onore di Giovanna d’Arco. Altri nomi apparentemente innocenti erano in realtà acronimi politically correct: «Gertruda» non da Gertrude ma composto da geroina truda, eroina del lavoro; «Elina» univa invece elettrificazione ed industrializzazione, «Renat» non c’entrava più con il santo ma era ricavato dalle parole revolucija, nauka (scienza) e trud (lavoro). Anche nella letteratura ritroviamo la moda dell’epoca: ad esempio in Cuore di cane di Bulgakov c’è un personaggio che si chiama «Poligraf». Nell’immediato periodo post-rivoluzionario si diffusero contemporaneamente nomi antico-slavi che non erano entrati nei libri liturgici, come Mstislav, Ljubomir, Vladislav, Miloslava.

Nell’anno appena passato, la classifica dei nomi tradizionali più diffusi in Russia vede tra quelli maschili in prima posizione Aleksandr (ormai imbattuto da oltre vent’anni) seguito da Maksim e Daniil; per le bambine in testa c’è Sofija (con la variante Sof’ja) seguito da Anastasija e Marija – tutti accompagnati da raffiche di diminutivi e vezzeggiativi di cui è ricchissimo il russo. Riportiamo a mo’ di esempio alcune varianti familiari del nome Anastasija: Anastasjuška, Anastaska, Nastasja, Nastja, Nasja, Naja, Najusja, Njusja, Nasten’ka, Nastjona, Tjona, Nastjocha, Nastusja, Tusja, Nastjulja, Nastjuša, Stasja, Tasja, Taja, Asja, Asjuša, Sjuša… A livello locale però vi sono molte diversificazioni: nelle regioni tradizionalmente islamiche dominano Alan, Magomed, Fatima, Murat, Ruslan; nel nord sono diffusi Vasilij e Galina, nell’Anello d’oro troviamo spesso la coppia Il’ja e Ljubov’, in Siberia Evgenija, Olesja e Ivan (a quest’ultimo, dal punto di vista ortodosso, sarebbe da preferire la forma di derivazione greca Ioann, ma la sua diffusione capillare ha avuto la meglio sulle dispute teologiche).

«A me – aggiunge il Crocifisso a don Camillo nel passo con cui abbiamo aperto – interessa che uno sia un galantuomo: che si chiami poi Lenin o Bottone non mi importa niente. Al massimo, tu potevi far presente a quella gente che dare ai bambini nomi strampalati spesso può significare metterli nei pasticci, da grandi». È questa, in sintesi, anche l’intenzione del legislatore russo, che ha voluto proteggere il bambino dagli eccessi di creatività genitoriale: «Quando danno nomi esotici o strani ai propri figli, i genitori non sempre capiscono a quali problemi andranno incontro i bambini, specialmente fra coetanei».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di The Battle of the Kings 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana