Google+

Nel verde del Malcantone alla ricerca della pietra filosofale

ottobre 15, 2012 Mariapia Bruno

Tra filari di vigne e uve mature lo scenario autunnale ticinese di Vallombrosa, nel verde Malcantone, è perfetto per una mostra a cielo aperto di un’artista legato alla natura, alle acque, alla pietra, al legno e alle nevi. Si tratta di Edgardo Ratti (Agno 1925), maestro ticinese nel disegno e nelle tele a olio all’inizio del suo percorso creativo – opere che sono adesso l’incipit dell’intera retrospettiva -, appassionatosi in seguito alla forza plastica delle sculture che comincia a produrre alla fine degli anni Sessanta, guardando alle chiese romaniche, testimoni silenti delle identità delle comunità contadine e montanare tipiche delle sue valli prealpine. A queste prime opere in legno seguono sculture in pietra, funzionali e a volta concettuali, in contemporanea al periodo “nero” dei quadri, mai abbandonati, sul declino e la solitudine della sua gente, sul rapporto inscindibile con la natura, il bosco, le stagioni e l’acqua.

Dal titolo La pietra filosofale, espressione che sottolinea la ricerca di quella semplicità in natura, un riferimento a una vita semplice e diversa da quella sconvolta dalla crisi del nuovo millennio, la personale dedicata a Ratti è una passeggiata culturale e rilassante percorribile fino al 22 novembre 2012 presso la Tenuta Tamborini Castelrotto di Malcantone, dove le sculture, i monotipi, i disegni, le tele e le vetrate dell’artista si inseriscono alla perfezione con lo spazio verde che le circonda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana