Google+

Caro negozietto di quartiere, proponimi almeno un salume di pregio o me ne vado al discount

luglio 19, 2013 Tommaso Farina

Il negozietto di quartiere sembra essere l’ultima spiaggia. Un’ancora di salvezza. Il commercio dal volto umano. Non nascondiamocelo: viviamo in un contesto storico dominato da moduli commerciali mordi e fuggi, che guardano solo alla comodità del cliente (o fruitore). Così, proliferano i supermercati e i centri commerciali, i non-luoghi per eccellenza.

Chi scrive, trova che l’acquisto di cibo al supermercato o, peggio, al discount, sia una pratica massificata e massificante, che contribuisce ad alimentare un circolo vizioso di diffusione di qualcosa che è ben lontana dalla piacevolezza gourmet. Prodotti sanissimi, impeccabili ma senz’anima. E oltretutto, malgrado ciò che parecchi credono, neppur troppo economici.

Da questa tregenda, ci si può salvare col negozio di quartiere, con l’“alimentari” all’angolo? Sì e no. Per quel che riguarda l’aspetto umano, è un sì convinto. Inevitabile, quasi ovvia la differenza tra un androne spersonalizzante, e un posticino dove hai il contatto con una persona. Certamente ci sono persone e persone, ma per mandare avanti un negozio la simpatia, se non ce l’hai, devi creartela.

E questo per stare all’aspetto relazionale, se vogliamo un po’ romantico. Ma ora si arriva al motivo per cui andare al negozio: il contenuto, la merce. E qui, il piccolo negozio non sempre può essere la nostra salvezza. Se la bella e simpatica botteguccia di strada si adegua alla media, siamo fregati. Tanti di questi negozietti non fanno altro che vendere la roba che si trova pure al supermercato: biscotti commerciali, yogurt multinazionali, pasta da pubblicità.

Che senso ha? È commercialmente un suicidio. Perché qualcuno che ha tutte queste cose comodamente a portata in un supermercato dovrebbe andarsele a cercare in dieci negozi diversi? Se offrono le stesse cose, tanto vale andare a prenderle in un luogo dove ci sono tutte e subito. Non si può rincorrere i supermercati sul loro stesso terreno: hanno una potenza economica fuori portata, possono condizionare i produttori a vendere sottocosto i prodotti.

A chi serve un formaggiaio che ha solo banalità? E magari ha un assortimento peggiore di quello del super (che tra l’altro, in certi casi, sa scovare formaggi di qualità grazie a buyer saggi)? E un salumaio che vende solo due o tre ovvietà assortite? Non lamentiamoci se questi posti chiudono. Un posto così, per avere senso, in carniere deve far trovare qualcosa che giustifichi il viaggio al compratore. Un formaggio ricercato, un salume di pregio, una confettura, una mostarda. Commercianti, se siete formiche non fate concorrenza ai mammuth.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. andrea scrive:

    sono 20 anni che sappiamo queste cose, oggi sono solo banalità……ma perché bisogna far scrivere per forza la gente……

  2. Marco scrive:

    Saranno anche banalità, e saranno ovvie…
    Ma è purtroppo la realtà, ne conosco molti che si lamentano della concorrenza dei supermercati ma non riescono a capire questa semplice “ovvietà”.
    E’ spesso più facile scaricare su altro i propri insuccessi, piuttosto che guardare le proprie incapacità… forse proprio perchè sono ovvie…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana