Google+

Anche il Museo di Hebei è “made in China”: 40 mila reperti, tutti taroccati

luglio 18, 2013 Redazione

«Sembrava un esempio virtuoso di recupero del patrimonio culturale della Cina imperiale, spesso cancellato senza pietà per far posto ai grattacieli della Cina moderna. Un bel museo costruito in un villaggio dello Hebei, provincia a Nord di Pechino (…) con una collezione di 40 mila reperti provenienti dalle dinastie imperiali (…). Il più antico risalente a quattromila anni fa. Peccato che i tesori dell’arte fossero rigorosamente falsi. Lo ha scoperto un romanziere di Pechino capitato in quel villaggio, Erpu (…). Ammirando uno dei pezzi forti, lo scrittore si è accorto che qualcosa non quadrava. La didascalia davanti alla bacheca annunciava: “Vaso datato all’epoca del mitico Imperatore Giallo”, che avrebbe regnato sulla Cina millenni prima di Cristo. Il suo nome era inciso sul prezioso oggetto: peccato che fosse stato scritto in caratteri cinesi semplificati, introdotti solo nell’anno 1950. E ancora, un pezzo spacciato per pura dinastia Qing, guardato con attenzione ha rivelato decorazioni tratte da una serie tv di cartoni animati. Le autorità provinciali hanno chiuso il museo dei falsi».
Guido Santevecchi, Corriere della Sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. blues188 scrive:

    Non c’è sicuramente solo la Cina che altera il passato a proprio uso e consumo. Anche da noi chi ha la forte possibilità (e gli uomini) di ‘gestire’ la Storia, altera la memoria e la storiografia italiana (e forse europea) per esaltare le proprie qualità di ‘resistenza’ e di difesa della Patria dal mostro fascista/nazista. Raitre ne è esempio lampante, con le sue continue trasmissioni che continuano ad instillare l’odio verso qualcosa che appartiene al passato remoto. A quel qualcosa che, ormai, sarebbe ora di immergere nel perdono e nella misericordia umana. Ma dimenticando quell’orrore (che si denuncia da sé, senza alcun bisogno che venga continuamente rinnovato, rischiano di far emergere le loro menzogne sulla ‘vittoria’ della Resistenza (che guarda un po’ è tutta ‘rossa’). Siamo liberi grazie alla morte di numerosissimi soldati americani che fornivano basi, armi, supporti ai nostri pochi partigiani, ai quali, mentre la vittoria si avvicinava, vedevano aumentare il numero dei futuri vincitori sul fascismo, confortati non dall’amor patrio, ma dalla certezza della vittoria e dall’ormai consolidato vizio italiano: il salto sul carro dei vincitori.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana