Google+

Mozilla. Icona del giornalismo gay Usa: se questo è il movimento Lgbt me ne vado

aprile 4, 2014 Andrew Sullivan

mozilla-firefox-gay-brendan-eichIl giornalista americano Andrew Sullivan, celebre portabandiera del movimento gay nei media Usa, è intervenuto sulla vicenda delle dimissioni di Brendan Eich con un post sul suo blog The Dish che riproponiamo di seguito in una nostra traduzione.

Il tizio che ha avuto la sfrontatezza di esprimere i propri diritti riconosciuti dal Primo emendamento e appoggiare la Proposition 8 in California con una donazione di mille dollari è stato appena scotennato da alcuni attivisti gay. Dopo la decisione di OKCupid di boicottare Mozilla, Brendan Eich ha rinunciato alla fresca nomina (a Ceo di Mozilla, ndr) a causa delle pressioni.

(…) Adesso sarà costretto a sfilare per le strade nella vergogna? Perché non metterlo ai ceppi? L’intera vicenda mi disgusta – come dovrebbe disgustare chiunque sia interessato a vivere in una società tollerante e differente. Se questo è il movimento per i diritti gay oggi – dare la caccia ai nostri oppositori con un fanatismo più da destra religiosa che altro – allora consideratemi fuori. Se si tratta di minacciare la libertà di parola degli altri, allora non siamo meglio dei prepotenti anti-gay che ci hanno preceduto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    Meglio tardi che mai

  2. Toni scrive:

    Ogni tanto, un poco di luce!

  3. Mappo scrive:

    Basta con l’ideologia nazigender.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana