Google+

Mostra – Viziate e non emancipate. Le donne della Pinacoteca Züst come uccelli in gabbia

novembre 24, 2014 Mariapia Bruno
14_Mocetto, Ritratto femminile_m

Girolamo Mocetto: Ritratto femminile, 1517 ca.; olio su tavola; Verona, Museo di Castelvecchio

Fortunatamente per loro, erano di famiglia abbiente le donne protagoniste della mostra Doni d’amore. Donne e rituali nel Rinascimento, aperta fino all’11 gennaio 2015 presso la Pinacoteca Cantonale Giovanni Züst di Mendrisio, nel Canton Ticino. Le popolane, naturalmente, avevano riservato tutt’altro trattamento, e potevano soltanto sognare quei preziosi oggetti che tra il XIV e il XVI secolo venivano offerti alla donna per celebrare il fidanzamento, il matrimonio, o la nascita di un erede. E’ una tradizione tutta “cortese” quella che ci viene raccontata dalla retrospettiva svizzera, che ci riporta nella vita agiata, ma non necessariamente felice, di queste ragazze e dei rituali formali e tirati a lucido che ne segnavano il passaggio da fanciulla posta sotto la tutela del padre a sposa assoggettata al marito.

Seppur privato di libertà, la cultura del tempo conferiva alla figura femminile, solitamente relegata all’ambito domestico, un ruolo fondamentale, di madre e moglie,  che le famiglie abbienti festeggiavano con fastose cerimonie e commissionando pregiati manufatti da offrirle in dono. Queste dame erano spesso molto colte, ma il loro destino si compiva soltanto all’interno di quelle mura, attorno quei cofanetti, quei gioielli, quei suppellettili quelle stoviglie, quei cassoni, depositari inanimati di uno stato d’animo che possiamo ben capire: quello di un uccello chiuso in gabbia. E come un uccello, queste creature divenivano un simbolo: il simbolo del potere acquisito dai due casati una volta che un importante matrimonio veniva celebrato, il simbolo del rango sociale acquisito, il simbolo di un mondo che per certi versi sopravvive ancora oggi, quello legato ad uno status sociale patino che raramente si è disposti ad abbandonare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana