Google+

Mostra – Sculture d’umani firmate Gormley al Forte del Belvedere

maggio 18, 2015 Mariapia Bruno

Fig.1Antony Gormley è un artista londinese classe 1950, acclamato per le sue sculture, per le installazioni e le opere d’arte pubblica che indagano il rapporto tra il corpo umano e lo spazio. Protagonisti delle sue creazioni sono gli esseri umani, il loro corpo che invade e si posiziona nello spazio, nella natura, nella città, sui tetti, tra le case, per le vie. <<Sul terrazzo più basso del Forte – afferma l’artista a proposito della sua mostra a Firenze – le 12 figure sono installate in senso lineare e progressivo dalla posizione fetale a quella assunta  per osservare le stelle richiamando l’ascesa dell’uomo>>. La città dei Medici accoglie, infatti, fino al 27 settembre 2015, la retrospettiva Human, che vede riunite più di cento opere di Gormley su ogni lato esterno e interno della palazzina cinquecentesca del Forte di Belvedere.

Fig.5A spiccare tra i pezzi in mostra è l’installazione Critical Mass, un “anti-monumento che evoca tutte le vittime del XX secolo”, ideata nel 1995 per un vecchio deposito di tram a Vienna. Nel ricco contesto attuale, il dialogo che instaura con la città rinascimentale ospitante ci fa riflettere sulla continua e onnipresente relazione tra denaro e potere politico e militare. E dello spazio che lo accoglie l’artista ha una sua idea ben matura: <<Il Forte -afferma – è un esemplare straordinario di trasformazione: una collina naturale trasformata in manufatto da Ferdinando de’ Medici. Per lungo tempo è stato associato all’arte contemporanea, spesso usato come contesto monumentale per opere monumentali. Piuttosto che inserire altre opere il cui intento è di misurarsi con la spazialità del luogo, ho scelto di esporre opere a misura d’uomo che permettano alla forma e alla sostanza di questa notevole costruzione di esprimersi …>>.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana