Google+

Mostra – Roma ospita quel Warhol che basta a se stesso

aprile 28, 2014 Mariapia Bruno

nonameLe Marylin (una del 1962 e un’altra del 1964)  sono presenti, i primi Flowers (1964) pure, i Mao (1972) anche, come anche i numerosi Skulls, i teschi che dal 1976 in poi si moltiplicano nel suo lavoro che da li in poi propenderà verso una simbologia più universale. La retrospettiva monografica Warhol, aperta fino al 28 settembre presso il Palazzo Cipolla della Fondazione Roma, pare avere tutti i numeri per donare al lettore un percorso esaustivo, raccontandogli attraverso 150 opere l’intero percorso artistico del padre della commercial art. Ma capita spesso che quando c’è di mezzo un artista così “pubblicitario” e commerciale come questo re della pop art, quell’elemento sorpresa, che incrementa il valore di una mostra e il godimento visivo ed emotivo del pubblico, venga a mancare, essendo le opere esposte sì superbamente preziose, ma al contempo viste e riviste.

Vederle insieme è comunque una occasione rara e i fan dell’arte pop e del linguaggio sintetico dei media saranno sicuramente soddisfatti. Quale potrebbe essere, invece, la reazione dei profani del genere? <<Non ti preoccupare – diceva lo stesso Warhol – non c’è niente che riguarda l’arte che uno non possa capire>>. Ed infatti l’immediatezza e la semplicità di quei volti iconici, la visionaria ed entusiasta elevazione ad opera d’arte – riproducibilissima – dell’immagine delle zuppe Campbell, o della Coca Cola, ci immergono in quel mondo anni Sessanta dove tutto era possibile, oltre che facilmente trasformabile. Ma se la Fondazione Roma, attraverso le sue ambiziose retrospettive, ha come fine, oltre alla diffusione dell’arte visiva, quello di dar luce alla centralità della storia dell’arte di Roma nei secoli, questa volta poteva fare di più. Assente qualsiasi rimando alla città ospitante, qualsiasi spunto di riflessione tra i capolavori mostrati e quella romanità pop e colorita: una volta lasciate le sale ben allestite della Fondazione, infatti, la capitale ci riassorbe nella sua soffocante calca, cancellando in poco tempo ogni suggestione lasciataci dalle opere appena ammirate. Sarà che la città, come Warhol, basta a se stessa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana