Google+

Mostra – Riscoprire i disegni preparatori per gustare dalla genesi ogni opera

giugno 22, 2015 Mariapia Bruno

122 SIRONI Paesaggio urbano (con camion)E’ risaputo che nei gabinetti e nei ripostigli di gradi e piccoli musei si può sempre trovare qualche bellezza nascosta. A volte se ne ritrova più di una. A volte, quasi tutto il campionario conservato ed occultato, spesso per anni, dalla vista del pubblico o di addetti ai lavori, è di straordinario valore. Come nel caso del Gabinetto di Disegni della Pinacoteca di Brera di Milano, che ha messo in mostra da qualche settimana una bellissima collezione di opere su carta, facendogli fare compagnia da selezionati prestiti provenienti da importanti collezioni pubbliche internazionali come il Louvre, l’Albertina di Vienna, il Metropolitan Museum of Art, gli Uffizi. La retrospettiva, intitolata Il Primato del Disegno. I disegni dei grandi maestri a confronto con i dipinti della Pinacoteca di Brera. Dai Primitivi a Modigliani, è aperta fino al 19 luglio 2015 e consente al visitatore di comprendere il raffinato e poetico rapporto tra la fase dello studio preparatorio e la stesura finale, quest’ultima automaticamente sopravvalutata.

Luini Bernardino (1480/1490-1532). Paris, Ècole nationale supÈrieure des Beaux-Arts (ENSBA). EBA188.

Passeggiando tra le sale si ha modo di comprendere come il disegno sia stato, dal Trecento al Novecento, un punto di partenza fondamentale per la genesi dell’opera.  Sono tanti i maestri che hanno usato il disegno come primo strumento di indagine della realtà: si parte da Mantegna, Giovanni e Gentile Bellini, si passa poi da Leonardo e i leonardeschi, si ha modo di salutare il Bramantino e Raffaello, qui presente con il disegno preparatorio del ben noto Sposalizio della Vergine. Grande spazio è dato a Federico Barocci che con il suo occhio indagatore ha curato in modo maniacale i suoi disegni preparatori. Non potevano, infine, mancare Boccioni, Sironi, Segantini, Morandi, Carrà con quella mano novecentesca che sentiamo ancora tanto vicina. La mostra è stata realizzata grazie anche al sostegno di Intesa Sanpaolo. Il catalogo è edito da Skira.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana