Google+

Mostra – Milano riporta sotto i riflettori il pittore lombardo Bernardino Luini

maggio 12, 2014 Mariapia Bruno

Al culmine della sua carriera, intorno agli anni ’20-’30 del Cinquecento, pare che Bernardino Luini (Dumenza, 1481 – Milano, 1532) fosse il migliore pittore operante a Milano. Forse perché gli altri – da Vincenzo Foppa a Zenale, da Bramantino ad Andrea Solario – erano già morti. Ma la carriera di questo pittore lombardo è costellata di saliscendi: era uno dei pittori preferiti da Federico Borromeo – che raccolse molte sue opere nella Pinacoteca Ambrosiana – e fu molto apprezzato nel XVII secolo, per essere poi considerato un pittore di serie B fino al Novecento, quando fu rivalutato e reinserito nell’Olimpo degli esponenti della scuola lombarda di spunto leonardesco. E adesso la capitale meneghina lo celebra con una ricca retrospettiva che ne ripercorre l’intera carriera artistica, raccontandoci i suoi punti di forza e le sue peculiarità, e mettendolo a confronto con gli altri protagonisti della scena rinascimentale italiana – dalla scuola veneta e Leonardo da Vinci – che in un modo o nell’altro lo influenzarono.

Aperta fino al prossimo 16 luglio presso il Palazzo Reale, Bernardino Luini e i suoi figli offre al pubblico la visione di tele come la bellissima Madonna del Roseto (1510 ca.), di casa a Brera, il tenerissimo Gesù Bambino con l’agnello (1510 -1515 ca.) dell’Ambrosiana, il mesto Sant’Antonio da Padova (1510-1512) del Museo Poldi Pezzoli, l’elegante Ritratto di Signora (1525 ca.), volato fin qui dalla National Gallery of Art di Washington, e l’opera tagliata, come si usava un tempo per esser adeguata alle dimensioni della stanza che l’avrebbe ospitata, Susanna e i vecchioni (1515-1516) proveniente dalla collezione Borromeo dell’Isola Bella. Numerosi anche gli affreschi staccati, come quelli da villa La Pelucca – oggi in gran parte conservati a Brera – commissionati all’artista dal nobile milanese Gerolamo Rabia per la sua dimora nei pressi di Monza: spiccano tra questi le Ragazze al bagno (1513-1514 ca.) e il Corpo di santa Caterina dl’Alessandria trasportato dagli angeli (1520-1523).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana