Google+

Mostra – L’imprevisto che ha reso Frida Kahlo l’artista che noi conosciamo

giugno 23, 2014 Mariapia Bruno

Frida Kahlo (1907 – 1954) non avrebbe voluto essere la Frida Kahlo che conosciamo, almeno all’inizio. Se oggi, a sessant’anni dalla sua morte, abbiamo modo di apprezzare sue le creazioni pittoriche di un gusto moderno che mai lascia da parte il sapore della cultura e delle tradizioni messicane, è perché appena diciassettenne, la promettente studentessa di Coyoacan (un piccolo villaggio di Città del Messico) ha dovuto abbandonare i propri sogni per colpa di un terribile incidente. Era il 17 settembre 1925 quando Frida, diretta in città per frequentare un corso che le avrebbe consentito di accedere all’università di medicina, si trovò su un autobus sfortunato. Coinvolto in un incidente che costò la vita a tre persone, la futura pittrice rimase viva per miracolo, ma il prezzo da pagare fu caro: tre fratture al bacino, undici alla gamba destra e una ferita profonda provocata da un corrimano di metallo che le aveva perforato il fianco sinistro lesionandola fino all’utero. Abbandonati i progetti universitari, Frida fu costretta a letto per un lungo periodo, e proprio in quei momenti qualcosa cambiò. Fu allora che decise di divenire pittrice: fece istallare uno specchio sul tetto del suo letto a baldacchino nella Casa Blu, oggi museo a lei dedicato, e cominciò a dipingere se stessa.

Ecco che l’arte le consente di risvegliarsi e di riaprirsi alla vita. La sua è una pittura viscerale e personalissima, ma che allo stesso tempo riflette alcuni temi fondamentali per l’uomo moderno: il contrasto tra individuo e società, l’identità nazionale, l’importanza delle radici, l’amore e il dolore, la realtà e la trascendenza. E viscerale fu anche il rapporto con il marito, Diego Rivera, la cui fama di muralista fu lentamente superata dalla notorietà raggiunta dalla moglie, che lui stesso fece soffrire a causa di numerosi tradimenti. Ma il rancore di Frida non faceva altro che tramutarsi in quegli splendidi dipinti che possiamo ammirare, fino al prossimo 31 agosto, presso le Scuderie del Quirinale a Roma. Attraversando le sale dell’esposizione intitolata Frida Kahlo, si ha la possibilità di entrare direttamente a contatto con il mondo della pittrice, di respirare la sua forte identità nazionale, di immergersi negli usi e costumi del suo paese, che ella stessa mette a confronto con i modernissimi States nella bellissima opera Frida al confine tra Messico e Stati Uniti. L’amore, la passione e la maternità – mancata nel caso di Frida, che ebbe un aborto mentre si trovava a Detroit con il marito – vengono presentate attraverso opere come L’amoroso abbraccio dell’universo, la terra (Messico), io, Diego e il signor Xolotl o come Moses o Nucleo Solare. E’ una retrospettiva completa, che ambisce a non tralasciare alcun aspetto della vita della protagonista e che si chiude con una selezione di nature morte dipinti da Frida dagli inizi degli anni ’50, quando, percependo l’arrivo della fine di una vita piena, ci racconta, dietro l’apparenza variopinta di frutta e verdura, il suo personale memento mori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana