Google+

Mostra – Leonard Freed, il fotografo innamorato dell’Italia in mostra ad Aosta

giugno 8, 2016 Mariapia Bruno

FRED-157

Al Centro Saint-Bénin di Aosta fino al prossimo 20 settembre è possibile ammirare una serie di scatti meravigliosi, che riguardano il nostro paese. La mostra Leonard Freed. Io amo l’Italia mette insieme un importante corpus di cento opere del fotografo americano innamorato dell’Italia Leonard Freed, il quale, ha ritratto gli angoli di Firenze, Milano, Napoli, Roma, Venezia e di altre piccole località italiane, a partire dalla metà del Novecento fino agli inizi del nuovo secolo. Sono scatti in bianco e nero, colmi di sentimento, ma mai perfetti: “Se cerchiamo troppo la perfezione – ha affermato il fotografo –  perdiamo la vitalità”.

La storia d’amore col Bel Paese è iniziato nel 1952, quando l’artista ha compiuto i primi viaggi in Europa e ha scoperto la passione per l’arte fotografica. “Voglio una fotografia che si possa estrapolare dal contesto e appendere in parete per essere letta come un poema” – ha detto Freed. Ed infatti le sue inquadrature valorizzano la forza dei volti dei suoi soggetti realistici e liberi da stereotipi. La natura umana lo ha sempre attratto, ed infatti tratta i suoi soggetti con i guanti, in modo da valorizzare la loro essenza e inserirli in una narrazione ben chiara: “Penso a tutte le persone nelle mie fotografie come a personaggi, protagonisti di un racconto”.

FRED-151

Ma guai a chiamarlo fotoreporter: “Fondamentalmente penso che ci siano fotografie ‘informative’ e fotografie ‘emotive’. Io non faccio fotografie informative, non sono un fotogiornalista, sono un autore, non sono interessato ai fatti. Io voglio mostrare atmosfere”. Con questa mostra, infatti, possiamo immergerci in uno spaccato di 50 anni di storia italiana vista con occhi made in USA, ed analizzare i cambiamenti e le differenze socio-economiche che si sono succedute con lo scorrere del tempo nelle nostre regioni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana