Google+

Mostra – La magia del silenzio nelle sculture di Bruno Walpoth

giugno 15, 2015 Mariapia Bruno

Bruno Walpoh, Ricordi d'infanzia, 2012, legno di tiglio, 76x41x28 cmLegno di timo, noce, olmo: sono questi i materiali delle sculture di Bruno Walpoth che da ieri invadono gli spazi della Accesso Galleria di Pietrasanta. La retrospettiva di cui sono protagoniste queste amabili e particolari presenze si intitola L’emozione del silenzio: i dieci personaggi scolpiti dall’artista, infatti, non interagiscono tra loro, e restano assorte nel proprio io, con i propri pensieri, invitando lo spettatore a godere della vita interiore. Come le sue opere, Walpoth è uno scultore silenzioso, che ama creare immergendosi nella beata solitudine del suo studio a Ortisei, vicino Bolzano. La sua mano si affianca a quella di molti scultori che hanno lasciato un segno nella trentina Val Gardena: artisti come i Demetz, Willy Verginer e Walter Moroder.

Ma torniamo alle belle sculture della mostra toscana, che resterà aperta fino al prossimo 16 luglio. Sono opere che si ispirano a modelli reali, amici o persone sconosciute: la loro realizzazione non proviene dalla pura fantasia, ma è l’elaborazione di una persona incontrata in un determinato luogo e in un preciso momento. Il realismo di queste sagome tende, però, a soddisfare una bellezza universale, sublimata da quel silenzio tanto amato che li accompagna dalla nascita alla fruizione da parte del pubblico. Silenzio interrotto soltanto dal rumore della motosega che l’artista usa per sbozzare la figura prima di passare agli scalpelli e alla raspa, e dal brusio degli spettatori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana