Google+

Mostra – Il gruppo Co.Br.A. festeggia i 45 anni della Galleria Accademia di Torino

novembre 17, 2014 Mariapia Bruno

Corneille, Petite Musique du Printemps, 1987, oil on canvas, 100x100Il Gruppo Co.Br.A. nacque quasi per caso nel novembre del 1948 in un caffè sul Quai St.Michel a Parigi. L’occasione fu data dalla noia di sei delegati che, durante la Conferenza Internazionale del Centro di Documentazione sull’Arte dell’Avanguardia, mentre i relatori si dilungavano sull’Astrazione geometrica e sul Realismo socialista, abbandonarono il convegno e firmarono una breve dichiarazione redatta dal belga Christian Dotremont. Il gruppo era nato, mancava solo il nome, che venne subito coniato dalle iniziali delle città dei vari componenti: Copenaghen, Bruxelles, Amsterdam. Il movimento, che sviluppò in Olanda, Belgio, Danimarca e nei paesi del nord Europa, era composto da singoli gruppi che agivano in semi-indipendenza raggiunse circa cinquanta membri in tre anni e si sciolse nel 1951 dopo l’ultima esposizione a Liegi.

2Come in ogni nuova tendenza che si rispetti, alla base del movimento c’era il rifiuto di ogni convenzione rigida e la voglia di lasciarsi andare ad un’arte naturale e spontanea, guidata soltanto dalla propria creatività, emotiva ed intellettiva. Una tavolozza di colori violenti e vibranti, stesi con pesanti tonnellate, raccontavano la vastità dell’inconscio, accompagnato spesso, come da miglior tradizione nordica, di immagini favolose di folletti, demoni, animali fibeschi, creature deformi e dimore isolate. Karel Appel, Asger Jorn, Pierre Alechinsky, Corneille, Lucebert, Carl-Henning Pedersen, Siegfried Reich an der Stolpe, Karl Otto Götz, Eugene Brands, Jacques Doucet e Bengt Lindström sono alcuni degli esponenti del movimento, che viene ricordato, fino al prossimo 7 dicembre, all’interno della mostra Co.Br.A., aperta presso la Galleria Accademia di Torino in occasione del 45° anniversario della fondazione ospitante.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana