Google+

Mostra – Il dramma e l’allucinazione di Fausto Pirandello in mostra ad Agrigento

gennaio 14, 2014 Mariapia Bruno

302mNon è mai facile essere figli di quegli uomini che hanno fatto la storia, di quei poeti, scrittori, filosofi e scienziati che hanno toccato i vertici dell’eccellenza e della fama. Ma Fausto Pirandello (1899-1975) la sua strada l’ha trovata abbastanza presto. Figlio dell’ancora oggi più noto scrittore Luigi, il pittore di origini agrigentine è uno dei rappresentanti della Scuola Romana, ma quelle sue composizioni dai toni terrosi e dalle atmosfere la maggior parte delle volte tetre sono il frutto di un’operosità influenzata dai pittori romani, dall’arte etrusca, dalla metafisica di De Chirico, dall’espressionismo, dalle influenze assorbite a Parigi – città che tralaltro ha aospitato la sua prima personale – da Picasso e Braque e dal surrealismo.

281mE proprio nella città di Agrigento, presso le Fabbriche Chiaramontane, è attualmente possibile ammirare circa 60 opere di Fausto provenienti sia da musei e istituzioni pubbliche e private romane, milanesi e siciliane, che da collezioni private degli eredi di casa Pirandello. Aperta fino al 23 febbraio 2013, la retrospettiva intitolata Fausto Pirandello. Il tempo della guerra (1939 – 1945) si concentra su un periodo creativo particolarmente drammatico e doloroso, segnato dalla mancanza del padre morto tre anni prima, in cui l’artista concepisce composizioni che denunciano un’aspra visione della realtà. I tratteggi scarni e quasi nervosi, i colori cupi, gli sguardi tristi dei soggetti, l’immobilità spaziale raccontano di una dimensione dove albergano il mito, il rito e l’allucinazione, elementi che lo accomunano per certi versi al pittore del tormento per eccellenza, Egon Schiele.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.